Ecco perché conviene investire in vino

A
A
A
di Redazione 31 Agosto 2015 | 13:07
È un’ottima forma d’investimento de-correlata dai mercati finanziari e dal ciclo economico.

COME INVESTIRE IN VINO – Alla pari dell’oro e dei diamanti anche il vino è diventato un bene rifugio soprattutto in periodi di crisi economica. È un’ottima forma d’investimento de-correlata dai mercati finanziari e dal ciclo economico. Gli utili derivanti dalla vendita sono esenti da imposte di ogni tipo. A differenza di altri beni rifugio che vengono anche collezionati (orologi, opere d’arte, francobolli, eccetera) il vino viene consumato ed è quindi anche un bene di consumo di lusso. L’investimento in vino può avvenire in tre modi: acquisto diretto di bottiglie pregiate, acquisto di quote di fondi comuni che investono in vino, acquisto di azioni di società quotate legate al settore vinicolo.

I DUE COMPARTI – Il mercato mondiale del vino si divide in due comparti: quello dei vini da consumo e quello dei vini da investimento. Nel 2014 gli investimenti nel settore del vino italiano sono cresciuti del 10% a 264 milioni, con ricavi del +1,4%, un export salito del 2,8% e con un mercato interno stabile. Gli spumanti, in particolare, confermano il trend positivo del 2013 e “guidano la crescita con un +4,1% sospinti dall’estero (+6,2%) “.

OUTLOOK – Le previsioni per il 2015 sono di sostanziale tenuta delle vendite. I dati riguardano le 122 principali aziende italiane i cui bilanci, alla vigilia di Vinitaly, sono stati analizzati dall’area studi di Mediobanca. E poi c’è la Borsa, che in Italia rimane quasi un tabù con un’unica quotazione: quella dell’Italian Wine Brands controllante della Giordano Vini avvenuta nel mese di gennaio e un titolo rimasto da allora molto stabile.

L’AFFARE DEL VINO – Chi nel mondo ha investito nel vino ha fatto (in genere) un ottimo affare: dal gennaio 2001 a fine 2014 l’indice dei mercati azionari mondiali dei titoli di settore è cresciuto del 336,5%, ben al di sopra delle Borse mondiali che hanno segnato un più modesto progresso dell’87%. Secondo l’analisi elaborata da Mediobanca, le migliori performance dei titoli vinicoli sono state ottenute in Nord America (+447%) e Francia (+74%) mentre il mercato australiano ha ceduto il 17%, il Cile il 30% e la Cina ben il 65%, sfatando il mito che ogni investimento del settore del vino nell’area di Pechino e Shanghai sia per forza un successo.

Marco Mazzoni, presidente Magstat Consulting

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Export vino italiano sempre più extra-Ue

Di drink in drink, i Millennials bevono più vino dei loro genitori

Windsor Vineyard, il vino della Regina Elisabetta va a ruba

NEWSLETTER
Iscriviti
X