La Cina gioca un brutto scherzo a Zurich

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 22 Settembre 2015 | 08:00
La disastrosa esplosione del mese scorso a Tianjin può costare 275 milioni di dollari al gruppo elvetico. Stop alle trattative con Rsa Insurance, si ripensa la strategia in Cina

ZURICH SOFFRE IN CINA – La Cina gioca un brutto tiro a Zurich Insurance, che ha annunciato l’interruzione delle trattative per arrivare ad un’acquisizione della britannica Rsa Insurance Group a causa della necessità di rifocalizzarsi sulla copertura delle perdite causate dall’esplosione avvenuta il mese scorso nel porto di Tianjin. Una catastrofe che ha causato un centinaio di vittime e danni per complessivi 1,5 miliardi di dollari secondo Fitch e che per l’assicuratore svizzero dovrebbe significare fino a 275 milioni di dollari di danni da pagare.

STOP AI NEGOZIATI CON RSA INSURANCE – Considerando anche altri eventi catastrofici e oneri vari registrati nel corso di questi ultimi mesi, il terzo trimestre della controllata cinese di Zurich dovrebbe chiudersi, avvisa una nota, con una perdita operativa di circa 200 milioni di dollari. A ulteriore precisazione un portavoce del gruppo elvetico contattato dal Wall Street Journal ha ammesso che nella due diligence in corso e che ormai non verrà completata, non erano emersi ostacoli all’integrazione tra Zurich e Rsa. In una propria nota Rsa conferma la fine dei colloqui con Zurich ma sottolinea di aver compiuto progressi per rafforzare la propria posizione come compagni autonoma.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet WM: “Coronavirus, per la ripresa è utile guardare alla Cina”

Consulenti, la Cina è tornata!

Guerra dei dazi, mossa distensiva Usa in vista dell’accordo

Brexit e accordo USA-Cina tengono in allerta i mercati

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

NEWSLETTER
Iscriviti
X