Ora Tsipras dovrà varare le riforme promesse alla “troika”

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 22 Settembre 2015 | 09:35
Per gli ultimi 3 miliardi dei 26 miliardi di aiuti immediati alla Grecia facenti parte del terzo bailout Tsipras deve varare riforme amministrative, previdenziali e finanziarie

TSIPRAS ORA DEVE FARE LE RIFORME – Cambiare tutto per non cambiare niente? Alexis Tsipras è da ieri nuovamente il primo ministro della Grecia, dopo aver vinto (a sorpresa) le ennesime elezioni anticipate, ma la musica non cambia e come ha già fatto sapere Thomas Wieser, capo del gruppo di lavoro dell’Eurogruppo, per sbloccare 3 miliardi di euro di aiuti promessi dalla Ue al settore bancario ellenico dovrà prima varare le riforme promesse. I fondi, che dovrebbero essere erogati in due tranche, dipendono infatti strettamente da altrettante liste di “pietre miliari” che debbono essere implementate nelle prossime settimane e comunque entro i prossimi 2 mesi.

PRIMA PENSIONI E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, POI BANCHE E FINANZA – La seconda serie di misure è legata in particolare alla governance del settore finanziario e alle riforme del settore creditizio, ha precisato Wieser in un’intervista rilasciata ieri a Bloomberg, mentre la prima serie, hanno segnalato alcune fonti all’agenzia, riguarderebbe riforme amministrative e previdenziali. I 3 miliardi di cui si parla sono l’ultima parte del pacchetto di aiuti deciso immediatamente dopo l’accordo per un terzo “bailout” greco, pacchetto che ammonta in tutto a 26 miliardi sugli 86 miliardi previsti nel complesso dagli accordi di bailout.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Grecia, la crisi potrebbe non essere finita

National Bank of Greece alla finestra, Atene attende le elezioni

Varate le riforme, Tsipras può trattare per un terzo bailout

NEWSLETTER
Iscriviti
X