“Voluntary disclosure”, le pratiche accelerano

A
A
A

A fine settembre 60.000 domande hanno già fatto emergere 28 miliardi. E intanto l’Agenzia delle Entrate si muove con le banche svizzere

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino2 ottobre 2015 | 10:00

60MILA RICHIESTE GIA’ PRESENTATE – Sono 60.000 i contribuenti italiani che a fine dello scorso settembre hanno deciso di aderire alla “voluntary disclosure”, facendo emergere capitali per un controvalore di 28 miliardi di euro. Negli ultimi quindici giorni del mese scorso, quindi, i contribuenti che hanno deciso di aderire alla procedura, ancor prima della proroga decisa dal governo (vedi notizia) sono di fatto triplicati rispetto al traguardo dei primi otto mesi di vigenza della legge 186/14.

ATTESE OLTRE 100MILA RICHIESTE – Le cifre sono state fornite ieri durante un convegno al quale ha partecipato Rossella Orlandi, direttore generale dell’Agenzia delle Entrate. Difficile stimare il numero finale delle procedure quando scatterà la deadline del 30 novembre, ma si si ipotizza che i contribuenti potrebbero essere più di 100.000 con un’accelerazione dovuta sia all’avvenuta proroga sia a coloro che hanno aspettato il divieto del raddoppio dei termini per l’accertamento.

RICHIESTA DI GRUPPO ALLE BANCHE SVIZZERE – Intanto la fase 2 della “voluntary disclosure” si aprirà con una richiesta di gruppo recapitata dall’Agenzia delle Entrate alle banche svizzere. Nella missiva si chiederà quali sono i cittadini italiani possessori di conti esteri che non hanno aderito alla procedura di collaborazione volontaria. Dopo l’Olanda anche l’Italia non perderà tempo e si avvarrà degli strumenti di scambio di informazione fiscale che le diverse amministrazioni a livello internazionale stanno perfezionando. Tempi durissimi per gli evasori…


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Gross delude a Janus

Fondi, addio alle 3 regine

Consulenti, Banca Ipibi lascia Assoreti

Promotori, Gerardini in Finanza & Futuro

Voluntary disclosure, proroga in due tempi

Hedge, Busson migliora Gottex

“Voluntary disclosure”, meno di 20.000 domande

Antiriciclaggio: ecco le nuove regole

Campora (Allianz): gestire il cliente “ibrido”

Quel 60% deve far paura a promotori e private

Private banking, Albertini Syz in crescita

Azimut pesca l’asso Latini

“Voluntary disclosure” per gli anni prescritti

Private banking, Santander Italia migliora

Fondi, Arpe festeggia con Sator

Promotori, 2 tappe per Sol&Fin

Superfideuram, fatta la squadra

“Voluntary”, il Fisco alza la posta

Superfideuram, benedizione di Draghi

Giuliani (Azimut): l’Italia può anche colonizzare

Private Banking, Ubs Italia corre

Promotori, la lezione Vanguard-Pimco

Banca, 2 top manager per Bpvi

Fideuram, Colafrancesco presidente

Fondi, il “guru” Gross è deludente

“Voluntary disclosure”, intoppo “waiver”

Fondi, regalone Pioneer a UniCredit

Fondi, Kairos diventa banca

Promotori, elezioni Anasf pronti via!

Azimut, il mistero di BlackRock

Voluntary disclosure, il peso dell’Iva

Fondi, BlackRock ha il mal di testa

Voluntary disclosure nel pantano?

Ti può anche interessare

Boeri (Inps): conti sbagliati sulle pensioni

Il presidente dell’istituto nazionale della previdenza critica le scelte del governo che istituisc ...

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Il programma rischia di perpetuare quel cliché che è stato la causa principale delle drammatiche v ...

Escort e porno, le nuove frontiere dei Bitcoin

Alcune escort professioniste, spiega Il Sole 24Ore, hanno deciso di accettare pagamenti anche nella ...