Lawson (Standard Life): “i tassi non torneranno a livelli pre-crisi”

A
A
A
di Chiara Merico 13 Ottobre 2015 | 07:03
Jeremy Lawson, Chief Economist di Standard Life Investments, nell’ultima edizione del Global Horizons analizza i fattori senza precedenti che continuano a frenare i rendimenti delle obbligazioni USA.

UNA FASE INSOLITA PER IL FIXED INCOME – “Stiamo attraversando una fase estremamente insolita nel mondo del fixed income. I fattori che pesano sui rendimenti obbligazionari sono numerosi, complessi e in alcuni casi senza precedenti”. Lo ha dichiarato Jeremy Lawson, Chief Economist di Standard Life Investments, che nell’ultima edizione del Global Horizons, “A Brave New World for Bond Markets”, ha analizzato i fattori senza precedenti che continuano a frenare i rendimenti delle obbligazioni USA. Lawson e Sebastian Mackay si chiedono se i mercati obbligazionari stiano già scontando una grande stagnazione e come si evolveranno nel resto del ciclo economico.

SCOSSE DI ASSESTAMENTO – “In questo documento andiamo a fondo per capire cosa ha determinato i cambiamenti e identificare i driver strutturali e ciclici che frenano i rendimenti dei bond. La nostra analisi ha individuato una serie di importanti fattori economici e politici che sono alla base di questo contesto di bassi tassi d’interesse negli USA e nel mondo. Sette anni dopo il crollo di Lehman Brothers possiamo ancora percepire le scosse di assestamento derivanti dalla crisi finanziaria. La nostra analisi
mostra infatti che le cicatrici della crisi e il prolungato deleveraging del settore privato hanno incrementato l’accumulo di risparmi, gravando su
domanda interna e inflazione. La debolezza della domanda interna nelle economie avanzate è stata poi amplificata da errori di politica monetaria, con il risultato di deprimere i mercati del lavoro, scoraggiare le imprese dall’investire, mantenere bassa l’inflazione. La crescita della produttività, che era in declino anche prima della crisi, si è indebolita ulteriormente, sostenuta dalla carenza di spese in conto capitale a livello pubblico e privato”, scrive Lawson.
“Che sia per caso o perché pianificato, le banche centrali e le autorità di regolamentazione hanno perseguito politiche volte ad abbassare i tassi di
interesse reali e i premi a termine, incrementando di conseguenza la richiesta per tutti gli asset che generano rendimento. Le banche centrali sono state obbligate a mantenere i tassi di interesse a breve termine a livelli pari o addirittura inferiori allo zero, e a mettere in atto misure non convenzionali volte a sopprimere i tassi di interesse reali lungo tutta la curva dei rendimenti”.
IMPROBABILE UN RITORNO DEI TASSI A LIVELLI PRE-CRISI – Jeremy Lawson continua: “Guardando al futuro e tenendo conto di questi fattori straordinari – perché il mercato dovrebbe cambiare idea e iniziare ad anticipare un aumento dei tassi di interesse a lungo termine? Esaminiamo i potenziali fattori che potrebbero modificare i rendimenti dei titoli a lungo termine negli Stati Uniti. Se la ripresa nelle economie avanzate diventerà più sostenibile e se le condizioni economiche e finanziarie dei mercati emergenti non si deterioreranno ulteriormente, l’inflazione attesa potrebbe crescere. La Fed dovrebbe essere disposta ad accettare un certo aumento dei tassi di interesse reali. Gli investitori potrebbero anche chiedere rendimenti più elevati  per mantenere in portafoglio rischi di tasso d’interesse a lungo termine.In conclusione riteniamo improbabile che i tassi di interesse di lungo termine tornino ai livelli pre-crisi. La nostra analisi suggerisce che il benchmark per i rendimenti dei bond governativi decennali USA raggiungerà un picco del 3-4% durante l’attuale ciclo economico. Un dato sopra i livelli attuali, ma ben al di sotto del picco raggiunto nei cicli economici precedenti”.
 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

State attenti alle banche centrali

Global Horizons: come prevedere la prossima recessione?

Banche Centrali: fine dell’emergenza, non fine del ciclo

NEWSLETTER
Iscriviti
X