Listini asiatici incerti, soppesano dati Pil cinese

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 19 Ottobre 2015 | 11:12
Il Pil cinese del terzo trimestre segna la crescita più debole dal 2009, ma si notano già i primi effetti positivi dei tagli dei tassi: il settore terziario accelera

IL PIL CINESE REGGE MEGLIO DEL TEMUTO – Il Pil cinese è cresciuto del 6,9% annualizzato nel terzo trimestre dell’anno (il dato più debole dal 2009) secondo le statistiche ufficiali di Pechino diffuse stamane, battendo l’attesa di consensus (6,8%) grazie in particolare al buon andamento del settore dei servizi (+8,4%) che ha compensato il +6% segnato dal “secondo settore” nel suo complesso. Il dato mostra come gli stimoli già messi in campo da Pechino (che dal novembre 2014 ha già tagliato 5 volte i tassi di riferimento) stiano contribuendo a sostenere la crescita e a reindirizzare la struttura economica verso un maggiore sviluppo del “terzo settore”, attenuando la dipendenza della crescita stessa dall’andamento della produzione industriale e degli investimenti fissi.

BORSE ASIATICHE INCERTE, TOKYO FRENA – La reazione dei listini asiatici al dato è stata modesta per il momento: Shanghai ha chiuso in calo dello 0,14%, mentre Shenzen è salita di altrettanto e Hong Kong ha terminato a +0,49%. Alcuni operatori sembrano temere che dati migliori del previsto possano convincere le autorità di Pechino che non siano necessari ulteriori stimoli per sostenere l’espansione economica. D’altro canto l’indebolimento dello yuan sembra non piacere agli investitori giapponesi, tanto che il Nikkei225 oggi ha ceduto lo 0,88% chiudendo a 18.131,23 yen.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ripresa in Europa e Usa, un quarto trimestre da dimenticare

Dalla riunione della Bce ai dati sulla produzione industriale, l’agenda della settimana

Vaccini, il “Jurassic Park” dei mercati

NEWSLETTER
Iscriviti
X