Blueindex a due velocità: Unicredit corre, Mediolanum frena

A
A
A
di Luca Spoldi 21 Ottobre 2015 | 12:42

UNICREDIT SALE SU IPOTESI CESSIONI – L’ipotesi di una cessione di parte delle attività austriache per una cifra attorno agli 800 milioni che ha preso a circolare sui giornali a poche settimane dall’invio della prima bozza di risultati degli stress test Bce ha fatto ripartire le quotazioni di Unicredit, che ha così chiuso ieri la giornata in testa al Blueindex con un guadagno del 2,75%, sufficiente a superare Bank of New York Mellon (+2,69%).

MEDIOLANUM E MPS CHIUDONO LA CLASSIFICA – In una giornata comunque contrastata non vi sono stati altri componenti in grado di chiudere in rialzo di due o più punti, anche se Credit Suisse Group (che però stamane soffre la trimestrale e l’annunciato aumento da 6 miliardi di franchi svizzeri) e Raiffeisen International sono riuscite a salire di poco più di un punto a testa. In coda a tutti tre titoli hanno invece ceduto oltre il 2%: Natixis, Mps e Mediolanum, che con un -2,8% si è aggiudicata la maglia nera di giornata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, il customer care migliore che c’è

Mediolanum, Flowe spiega il rapporto tra giovani, tecnologia e denaro

Banca Mediolanum, un nuovo debutto in Borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X