Usa: consumi e prezzi deboli, paghe in crescita stabile

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 30 Ottobre 2015 | 14:25
Gli ultimi dati macro statunitensi su inflazione, consumi e paghe non sembrano offrire particolari motivi alla Federal Reseve per alzare i tassi già a fine anno

USA, RALLENTA LA CRESCITA DEI CONSUMI – I consumatori americani hanno speso a settembre meno del previsto: la spesa per consumi è infatti aumentata dello 0,1% il mese scorso, dopo essere salita dello 0,4% in agosto, come ha annunciato oggi il Commerce Department statunitense. Gli analisti si attendevano in media un incremento della spesa per consumi dello 0,2% mensile.

CRESCITA STABILE DELLE PAGHE, IN CALO L’INFLAZIONE – In un report separato il Labour Department ha invece segnalato che nel terzo trimestre paghe e salari sono cresciuti dello 0,6%, ovvero del 2,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (confermano dunque lo stesso ritmo anno su anno notato alla fine del secondo trimestre). I prezzi al consumo sono invece calati di un 0,1% rispetto ad agosto, segnando il primo calo da gennaio. Su base annua l’inflazione torna allo 0,2% rispetto allo 0,3% di fine agosto, mantenendosi molto al di sotto del 2% indicato come limite dalla Fed.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ripresa in Europa e Usa, un quarto trimestre da dimenticare

Dalla riunione della Bce ai dati sulla produzione industriale, l’agenda della settimana

Vaccini, il “Jurassic Park” dei mercati

NEWSLETTER
Iscriviti
X