UnipolSai corre, Finmeccanica cala, Pirelli dice addio

A
A
A
di Luca Spoldi 30 Ottobre 2015 | 18:03
Dopo la corsa iniziale Telecom Italia rallenta il passo, superata al rialzo da titoli come UnipolSai. Deboli Finmeccanica, Intesa Sanpaolo ed Eni. Pirelli delistata dal 6 novembre

MILANO CHIUDE IN PARITA’ – Al termine di una seduta ricca di alti e bassi Piazza Affari resta sui livelli della vigilia, col Ftse Mib invariato, il Ftse Italia All-Share che chiude a +0,05% e il Ftse Italia Star che guadagna lo 0,61%. Tra le blue chip del listino italiano a fine giornata rallenta la corsa di Telecom Italia, mentre allungano il passo UnipolSai, Salvatore Ferragamo ed Exor.

FRENA FINMECCANICA CHE USCIRA’ DA ANSALDO STS – In calo di oltre due punti Finmeccanica, che in mattinata ha confermato che procederà alla preannunciata cessione a Hitachi della quota detenuta in Ansaldo Sts (che da parte sua ha chiuso il terzo trimestre con un utile di 59,5 milioni di euro e un portafoglio ordini di 6 miliardi). Deboli anche Intesa Sanpaolo, nonostante l’ottimismo professato dall’amministratore delegato Carlo Messina circa la possibilità di raggiungere risultati superiori a quelli previsti dal piano industriale al 2017, ed Eni.

PIRELLI DICE ADDIO AL LISTINO
Pirelli chiude a 14,95 euro per azione: l’Opa lanciata da Marco Polo ha raggiunto il 95,97% dei titoli ordinari (ma considerando le azioni proprie la società controlla il 96,04% del capitale) e si procederà pertanto al delisting del titolo a partire dal 6 novembre esercitando il diritto di acquisto sulle azioni residue allo stesso prezzo dell’Opa (15 euro per azione).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

In Leonardo c’è… Profumo di saldi per far cassa (e magari un favore ai francesi)

Report Operativo: monitoraggio posizione su Finmeccanica

Ftse Mib, come si evolverà il trend e i titoli tecnicamente interessanti

NEWSLETTER
Iscriviti
X