Giornata a due velocità per Piazza Affari che chiude in calo

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Novembre 2015 | 17:35
Le parole di Draghi (Bce) fanno correre gli indici al mattino, ma quelle della Yellen (Fed) inducono gli investitori alla prudenza nel pomeriggio, così la seduta chiude in calo

GIORNATA DAI DUE VOLTI PER MILANO – Dopo una mattinata positiva a Piazza Affari anche sulla scia delle dichiarazioni di Mario Draghi che conferma come la Bce sia pronta a modifica il livello degli stimoli monetari in dicembre, le parole diametralmente opposte di Janet Yellen, che invece fanno apparire più probabile un rialzo dei tassi della Federal Reserve sempre in dicembre, fanno scattare nuove prese di profitto, così a Milano l’indice Ftse Mib termina a -0,65%, il Ftse Italia All-Share cede lo 0,55% e il Ftse Italia Star chiude a +0,15%.

TOD’S IN LUCE, ANIMA IN CALO – Tra le singole blue chip si mettono in luce Tod’s (+4% dopo che Hsbc ha portato il giudizio da “hold” a “buy”), Prysmian e Cnh Industrial (che ha emesso un nuovo bond a 5 anni a 600 milioni di dollari). In deciso calo Anima Holding, che vede allontanarsi l’ipotesi di un’integrazione con Arca Sgr, Telecom Italia, dopo che Xavier Niel ha spiegato di non agire in concerto con nessuno e di non disporre di azioni con diritto di voto, ma solo opzioni sul 15,1% del capitale, Fiat Chrysler Automobiles, che risente del nuovo tonfo di Volkswagen, e Intesa Sanpaolo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anima Holding supera la trendline dicedente di medio termine

Anima Holding si lascia alle spalle il canale ribassista. I prossimi target tecnici

Fondi, Anima sfonda il muro del miliardo

NEWSLETTER
Iscriviti
X