Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 7 Gennaio 2016 | 08:20
Pechino continua a svalutare lo yuan contro dollaro e i mercati azionari precipitano. Shanghai perde il 7%, Shenzhen oltre 8 punti, Hong Kong chiude a -3,79% e Tokyo a -2,33%

PECHINO SVALUTA ANCORA LO YUAN – Pechino concede il bis e per i mercati finanziari mondiali son dolori. Anche oggi la banca centrale cinese ha svalutato lo yuan di un altro 0,6% contro il dollaro, riducendo il tasso di riferimento per l’ottava seduta consecutiva. Si tratta della più forte svalutazione dopo quella dello scorso agosto e la risposta dei mercati non si è fatta attendere: dopo solo mezzora di lavoro l’indice Csi 300 ha toccato il 7,2% di perdita, facendo scattare la sospensione delle contrattazioni per il resto della giornata come già accaduto lunedì.

I MERCATI AZIONARI AFFONDANO – Analoga la reazione del listino di Shanghai, crollato del 7,04%, mentre Shenzhen ha chiuso in calo dell’8,24% e Hong Kong ha perso il 3,79%. Da parte sua Tokyo, su cui ha pesato anche il nervosismo legato al test atomico nord coreano di ieri e la chiusura negativa di Wall Street, ha chiuso la seduta con l’indice Nikkei225 a 17.767,34 yen, in perdita del 2,33%. Non sono migliori le aperture europee, in calo tra uno e due punti percentuali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex, Euro Index in altalena prima di nuovo forte movimento direzionale

Il punto tecnico sul mercato Forex di Giovanni Maiani

Guala Closures, l’effetto cambi affossa i conti del 1° trimestre. L’analisi di Market Insight

NEWSLETTER
Iscriviti
X