Carige e Mps proseguono la caduta, toccano nuovi minimi storici

A
A
A
di Luca Spoldi 11 Gennaio 2016 | 16:41
Banca Carige e Mps toccano nuovi minimi storici chiudendo in calo di oltre 10 punti percentuali a testa. Il mercato si interroga su eventuali fusioni o novità nel capitale

GIORNATA NO PER CARIGE E MPS  -In un mercato sempre più nervoso a causa dei timori sulla Cina e del continuo calo delle quotazioni petrolifere, tornate sui minimi dal 2004, Banca Carige e Mps vivono una nuova giornata da dimenticare aggiornando i rispettivi minimi storici. L’istituto ligure chiude a 88,2 centesimi di euro per azione (-14,53%) con oltre 35,3 milioni di pezzi passati di mano, quello toscano finisce a 92,55 centesimi di euro (-11,27%) dopo che sono stati scambiati oltre 121,3 milioni di azioni.

TITOLI SUI MINIMI STORICI – Secondo alcuni operatori su entrambi i titoli, che nella parte finale della giornata sono anche stati sospesi al ribasso, torna ad aleggiare lo spettro di possibili nuove misure per rafforzare il capitale in assenza di notizie in merito all’eventuale ingresso di nuovi soci o di operazioni di fusione con altri istituti. La capitalizzazione dei due istituti è nel frattempo calata a meno di 4 miliardi di euro complessivi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Carige, anni di crisi e futuro incerto

Codacons, class action contro Banca Carige

Consulenza e private banking, la svolta di Banca Carige (e Cesare Ponti)

NEWSLETTER
Iscriviti
X