L’economia accelera in Germania nel 2015

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 14 Gennaio 2016 | 11:00

A spingere la crescita sono i consumi interni e la spesa pubblica più che le esportazioni. Bene anche gli investimenti fissi e il mercato del lavoro, con oltre 43 milioni di occupati

CORRE L’ECONOMIA TEDESCA – La crescita accelera, in Germania. Secondo i dati diffusi stamane dall’ufficio federale di statistica Destatis, nel quarto trimestre del 2015 (stima preliminare) il Pil tedesco è salito di uno 0,25% rispetto ai tre mesi precedenti, ovvero dell’1,7% nel corso dell’intero 2015. Il dato è il migliore degli ultimi 4 anni (nel 2014 era stato pari a +1,4%).

PIL E MERCATO DEL LAVORO DI PARI PASSO – Per il secondo anno, inoltre, il dato resta sopra il dato medio degli ultimi 10 anni che per la Germania è pari a +1,3%. A spingere l’economia sono stati i consumi privati (+1,9%) e la spesa pubblica (+2,8%). Bene anche gli investimenti fissi (+1,7%). Il tutto a fronte di un mercato del lavoro in salute, con oltre 43 milioni di occupati, in crescita di 329 mila unità (+0,8%) rispetto alla fine del 2014.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Ti può anche interessare

Gli italiani oggi? Più felici ma pessimisti verso il futuro

Per gli italiani la famiglia continua a essere un punto fermo e sicuro su cui si può sempre contare ...

Fondi, guadagni a doppia cifra

Bisogna ammettere che il 2018 è stato un po’ un mare in burrasca per i mercati, dato che tutt ...

CheBanca!, che sprint la squadra di Marconi

La rete del gruppo Mediobanca prima nella raccolta netta pro capite con flussi sopra i 360mila euro. ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X