Produttori auto indietro tutta sui listini europei

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 14 Gennaio 2016 | 11:47
Renault indagata sulle emissioni di gas di scarico e subito i listini europei innestano la retromarcia temendo un bis di quanto accaduto a Volkswagen. Qualche problema anche per Fca

RENAULT MANDA AL TAPPETO I LISTINI – Se le società del settore auto ieri avevano aiutato i listini europei a prolungare il rally, oggi quegli stessi titoli ne appesantiscono la caduta, dopo che l’agenzia France Press ha riportato che alcuni agenti anti frode del ministero degli Interni francese avrebbero sequestrato computer e server di Renault nell’ambito di un’indagine sui gas di scarico emessi dai veicoli prodotti della società francese (che non ha voluto commentare).

TUTTE IN ROSSO LE BLUE CHIP EUROPEE – In tarda mattinata Londra perde il 2,08%, Parigi cade del 3,43%, Francoforte (dove è fresco il ricordo dello “scandalo emissioni” di Volkswagen) lascia sul terreno il 3,24%, Madrid segna -2,82% e Milano è per ora a -2,61% mentre anche su Fiat Chrysler Automobiles si scatenano le vendite, complici dati sempre più brutti dal mercato russo e voci rilanciate dalla stampa Usa sulle accuse che due concessionari di Chicago avrebbero lanciato al gruppo, accusato di incentivare i venditori a “gonfiare” i dati di vendita a fine mese (peraltro solo per stornarle ogni successivo inizio mese). In affanno anche l’indice Eurostoxx50 (-2,83%) con tutti i 50 componenti in calo tra l’1,29% di perdita di Total e di Eni e il 5,74% di Daimler.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio, le previsioni sul prossimo meeting Opec

Ftse Mib, quota 24.000 non è una chimera. Cinque big cap sotto la lente

Eni allunga il passo in scia al petrolio. I prossimi obiettivi tecnici

NEWSLETTER
Iscriviti
X