Produttori auto indietro tutta sui listini europei

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 14 Gennaio 2016 | 11:47
Renault indagata sulle emissioni di gas di scarico e subito i listini europei innestano la retromarcia temendo un bis di quanto accaduto a Volkswagen. Qualche problema anche per Fca

RENAULT MANDA AL TAPPETO I LISTINI – Se le società del settore auto ieri avevano aiutato i listini europei a prolungare il rally, oggi quegli stessi titoli ne appesantiscono la caduta, dopo che l’agenzia France Press ha riportato che alcuni agenti anti frode del ministero degli Interni francese avrebbero sequestrato computer e server di Renault nell’ambito di un’indagine sui gas di scarico emessi dai veicoli prodotti della società francese (che non ha voluto commentare).

TUTTE IN ROSSO LE BLUE CHIP EUROPEE – In tarda mattinata Londra perde il 2,08%, Parigi cade del 3,43%, Francoforte (dove è fresco il ricordo dello “scandalo emissioni” di Volkswagen) lascia sul terreno il 3,24%, Madrid segna -2,82% e Milano è per ora a -2,61% mentre anche su Fiat Chrysler Automobiles si scatenano le vendite, complici dati sempre più brutti dal mercato russo e voci rilanciate dalla stampa Usa sulle accuse che due concessionari di Chicago avrebbero lanciato al gruppo, accusato di incentivare i venditori a “gonfiare” i dati di vendita a fine mese (peraltro solo per stornarle ogni successivo inizio mese). In affanno anche l’indice Eurostoxx50 (-2,83%) con tutti i 50 componenti in calo tra l’1,29% di perdita di Total e di Eni e il 5,74% di Daimler.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Polizze ora in bolletta con luce e gas

Borse avanti piano, la Yellen indebolisce il dollaro

Titoli petroliferi: non è ancora il caso di indulgere nell’ottimismo

Petrolio sui minimi a 7 mesi, scattano vendite su Saipem, Eni e Tenaris

Notizie positive dall’Iran per Eni, che recupera in borsa

Petrolio riparte, Russia e Arabia Saudita pronte a estendere i tagli produttivi

Piazza Affari chiude in rialzo grazie a Mps ed Eni

Eni e Mps illuminano la giornata di Piazza Affari

Opec: il mercato crede nell’accordo e il petrolio riparte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Piazza Affari chiude a +1%, grazie ai titoli finanziari e petroliferi

Petrolio sopra i 47 dollari al barile, corrono Eni, Saipem e Tenaris: durerà?

Petroliferi sotto pressione, le major tagliano gli investimenti

Borse europee in frenata, ancora male Deutsche Bank

Borse europee in prudente recupero, restano in rosso i petroliferi

Petrolio prova rimbalzo, ma i titoli del settore restano prudenti

Piazza Affari dimezza il rialzo visto in mattinata

Piazza Affari, tornano acquisti sui titoli finanziari

Borse europee interrompono il rialzo, pesano trimestrali e tensione

Da Eni a ConocoPhilips, la stagione delle dismissioni sta partendo

Petrolio: niente accordo a Doha, scattano le vendite

Borse europee in moderato recupero, grazie a petroliferi e finanziari

Borsa di Milano avanti piano, Eni e Saipem subito in luce

Borse: segnali positivi dall’Asia all’Europa

Scorte petrolifere ai massimi negli Usa, ma Eni e Saipem recuperano

Il petrolio rimbalza dai minimi a 13 anni

Europa ancora in calo, pesano Cina e petrolio

Eni, Saipem e Tenaris in rosso nonostante risalita petrolio

Parigi e Francoforte accelerano al rialzo

Yoox, Unipol e Mediaset corrono, ma i petroliferi frenano gli indici di Milano

Il calo del petrolio non pesa su Eni e Saipem, per ora

Solo Eni e UnipolSai si salvano dal rosso a Milano

Indici in calo, Milano fa eccezione

NEWSLETTER
Iscriviti
X