Mps: Serra non basta a interrompere la caduta

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Gennaio 2016 | 18:37
Davide Serra, finanziere a capo del fondo Algebris e vicino al premier Matteo Renzi, sta iniziando ad investire nei bond senior e junior di Mps. Ma la notizia non calma il mercato

SERRA NON BASTA A MPS – Neppure le dichiarazioni di Davide Serra, Ceo del fondo Algebris Investments e considerato tra i finanzieri più vicini al premier Matteo Renzi, bastano a risollevare il titolo Mps, sospeso nuovamente in borsa a un’ora dal termine della seduta, con un ultimo prezzo a 53,4 centesimi (-19,53%) quando erano passati di mano poco meno di 61 milioni di pezzi e la capitalizzazione era ormai ridotta a poco più di 1,9 miliardi di euro.

ALGEBRIS GUARDA AI BOND DI SIENA – Serra ha dichiarato a Reuters di aver iniziato a guardare e investire su bond senior e junior dell’istituto senese, dopo essere stato per anni pubblicamente “corto” sul titolo. Secondo Serra dopo l’esito della verifica degli attivi (Aqr) da parte della Bce l’istituto ha preso le giuste misure e i numeri confermano che la banca è adeguadamente patrimonializzata. Ma il mercato, almeno per oggi, non sembra tranquillizzarsi, in assenza di novità alcuna sul fronte della “bad bank” sistemica italiana.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Algebris lancia un nuovo fondo per gestire i rischi su attivi “fragili”

Algebris debutta sul mercato dei Pir

Algebris lancia un fondo PIR

NEWSLETTER
Iscriviti
X