Banca Ifis vede utile raddoppiare a fine anno, non esclude acquisizioni

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Settembre 2017 | 13:53

BOSSI OTTIMISTA SU UTILI 2017Banca Ifis, che stamane si conferma attorno ai 41,25 euro per azione a Piazza Affari (poco sopra la chiusura di venerdì ma su quotazioni del 111% circa più elevate rispetto ad un anno fa) punta ad un utile netto di 170-180 milioni di euro a fine anno, il doppio rispetto agli 89,7 milioni segnati nel 2016 al netto delle componenti straordinarie, dopo che il primo semestre del 2017 ha già visto l’istituto segnare un risultato netto positivo di 103,7 milioni.

INTERESSE PER ACQUISIZIONI – Giovanni Bossi, Ceo dell’istituto veronese, ha anche segnalato come il management sia già al lavoro per elaborare un nuovo piano industriale e non ha escluso che possano essere effettuare nuove acquisizioni. In particolare tra i potenziali obiettivi potrebbe esservi Farbanca, specializzata nei prestiti a farmacie e parafarmacie il cui controllo faceva capo a Banca popolare di Vicenza e che è poi confluita nella bad bank a seguido del passaggio di parte degli asset dell’istituto (e di Veneto Banca) a Intesa Sanpaolo.

TRA I PRENTENDENTI PER GLI NPL DI CARIGE – Bossi ha anche precisato che Banca Ifis è una degli oltre 30 operatori interessati al portafoglio di crediti deteriorati (Npl) da 1,2 miliardi di euro nominali messo in vendita da Banca Carige (che nonostante la conferma perde oltre il 2% stamane a Piazza Affari, scivolando sotto i 22,5 centesimi di euro per azione). Verso metà mese la banca ligure dovrebbe selezionare la short list delle offerte più interessanti per arrivare a valutare entro fine mese le offerte vincolanti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Ifis, l’azionista di controllo si trasferisce in Svizzera

Investimenti: il 70% delle PMI stima ricavi in crescita nel prossimo biennio

Banca Ifis, premiano Commercial e Banking

NEWSLETTER
Iscriviti
X