Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 6 Settembre 2017 | 15:30

JOHN CRYAN SPERA IN TASSI PIU’ ALTI – Non è più solo la Bundesbank a premere affinchè la Bce ponga termine all’era del “denaro facile” e dei tassi sotto zero: anche il Ceo di Deutsche Bank, John Cryan, parlando in una conferenza a Francoforte ha sostenuto che il vecchio continente dovrebbe “dire addio” al denaro facile perchè il prolungato perdurae di tassi ai minimi starebbe iniziando a gonfiare una bolla speculativa, oltre a danneggiare le banche europee rispetto ai loro concorrenti americani.

SI VEDONO SEGNI DI BOLLA – Cryan ha portato come esempi a sostegno della sua tesi rendimenti sui bond sovrani e sui bond ad alto rischio ancora vicini ai minimi di sempre, ma anche prezzi immobiliari che per i paesi del G7 sono vicini ai massimi storici, il tutto mentre la volatilità sui mercati finanziari rimane modesta. “Vediamo segnali di bolle in sempre più parti del mercato dei capitali dove non ci saremmo aspettati di vederlo” ha aggiunto il banchiere, secondo cui i bassi tassi d’interesse spiegano in parte il calo della redditività delle banche europee.

BENVENUTI GLI ANNUNCI FED E BCE – Così Cryan ha “accolto favorevolmente i recenti annunci dati dalla Federal Reserve ed ora anche dalla Bce circa l’intenzione di gradualmente concludere il loro allentamento di politica monetaria”. Come noto la Fed ha già alzato due volte i tassi quest’anno e si prepara ad alzarli una terza volta (con previsioni di mercato che parlano di altri 3 o 4 rialzi l’anno venturo), mentre Mario Draghi, presidente della Bce, a luglio ha anticipato che in autunno anche Eurotower prenderà una decisione, anche se deve prima vedere un’inflazione in grado di mantenersi stabilmente vicina al 2% annuo.

ANCORA POCHE FUSIONI E ACQUISIZIONI – Cryan ha anche avuto parole di rammarico per il fatto che la situazione di difficoltà in cui versa il settore bancario europeo non ha comunque dato impluso a una maggiore concentrazione, nonostante appaia evidente che i numeri dovranno calare ancora: “Purtroppo ben poco è successo in Germania – ha spiegato il banchiere – e il consolidamento continua in modo lento, specialmente a livello sovranazionale”. Un concetto espresso in questi giorni anche dal presidente di Credit Suisse, Urs Rohner, secondo cui non vi sono state sostanzialmente accordi transnazionali a causa dei vari vincoli normativi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, quanti danni il crak Archegos

Credit Suisse all’aumento. Finma indaga

Credit Suisse: trimestrale in rosso ma meno peggio delle stime

NEWSLETTER
Iscriviti
X