Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi6 settembre 2017 | 15:30

JOHN CRYAN SPERA IN TASSI PIU’ ALTI – Non è più solo la Bundesbank a premere affinchè la Bce ponga termine all’era del “denaro facile” e dei tassi sotto zero: anche il Ceo di Deutsche Bank, John Cryan, parlando in una conferenza a Francoforte ha sostenuto che il vecchio continente dovrebbe “dire addio” al denaro facile perchè il prolungato perdurae di tassi ai minimi starebbe iniziando a gonfiare una bolla speculativa, oltre a danneggiare le banche europee rispetto ai loro concorrenti americani.

SI VEDONO SEGNI DI BOLLA – Cryan ha portato come esempi a sostegno della sua tesi rendimenti sui bond sovrani e sui bond ad alto rischio ancora vicini ai minimi di sempre, ma anche prezzi immobiliari che per i paesi del G7 sono vicini ai massimi storici, il tutto mentre la volatilità sui mercati finanziari rimane modesta. “Vediamo segnali di bolle in sempre più parti del mercato dei capitali dove non ci saremmo aspettati di vederlo” ha aggiunto il banchiere, secondo cui i bassi tassi d’interesse spiegano in parte il calo della redditività delle banche europee.

BENVENUTI GLI ANNUNCI FED E BCE – Così Cryan ha “accolto favorevolmente i recenti annunci dati dalla Federal Reserve ed ora anche dalla Bce circa l’intenzione di gradualmente concludere il loro allentamento di politica monetaria”. Come noto la Fed ha già alzato due volte i tassi quest’anno e si prepara ad alzarli una terza volta (con previsioni di mercato che parlano di altri 3 o 4 rialzi l’anno venturo), mentre Mario Draghi, presidente della Bce, a luglio ha anticipato che in autunno anche Eurotower prenderà una decisione, anche se deve prima vedere un’inflazione in grado di mantenersi stabilmente vicina al 2% annuo.

ANCORA POCHE FUSIONI E ACQUISIZIONI – Cryan ha anche avuto parole di rammarico per il fatto che la situazione di difficoltà in cui versa il settore bancario europeo non ha comunque dato impluso a una maggiore concentrazione, nonostante appaia evidente che i numeri dovranno calare ancora: “Purtroppo ben poco è successo in Germania – ha spiegato il banchiere – e il consolidamento continua in modo lento, specialmente a livello sovranazionale”. Un concetto espresso in questi giorni anche dal presidente di Credit Suisse, Urs Rohner, secondo cui non vi sono state sostanzialmente accordi transnazionali a causa dei vari vincoli normativi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Chow (Fullgoal Am): “Orizzonte più sereno per la Cina”

Michael Chow, managing director e responsible officer per Fullgoal Asset Management, società specia ...

Investimenti, le criptovalute tra minaccia e opportunità

Bitcoin & C: minaccia o nuova opportunità? A Perugia il 1° febbraio una tavola rotonda e un wo ...

Short irregolare su Saipem, stangata per Orca Capital

Sotto la lente dell'autorità sono finite le vendite allo scoperto e le posizioni nette corte su azi ...