Blueindex: BNY Mellon e State Street in luce nonostante la giornata sottotono dei mercati

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Febbraio 2016 | 14:04
Mercati ancora fragili: BNY Mellon e State Street disputano la volata per la prima piazza sul Blueindex, mentre Azimut e Unicredit perdono oltre 3 punti a testa e chiudono in coda

BNY MELLON E STATE STREET IN VETTA – Seduta ancora tormentata quella di venerdì scorso per i mercati azionari, che nonostante il rimbalzo dai minimi visti a inizio febbraio non sembrano aver ancora ritrovato del tutto la serenità. Così se Bank of New York Mellon e State Street hanno disputato la volata per il primo posto della classifica giornaliera del Blueindex (la prima chiudendo a +1,13%, la seconda a +1,10%), staccando di poco America Express (+1,03%), in realtà ben 31 componenti su 40 del paniere hanno chiuso la giornata in rosso.

AZIMUT E UNICREDIT IN CODA – Tra tutte la peggiore è risultata Azimut (-3,58%), che da alcuni giorni alterna sedute positive e negative con variazioni tra i due e i tre punti al giorno. Nuovamente debole anche Unicredit (-3,44%), forse anche perché facente parte del consorzio di banche che ha dovuto sottoscrivere l’inoptato del recente aumento da 3,5 miliardi di Saipem.  Oltre il 2% di perdita hanno comunque chiuso una mezza dozzina di titoli da Deutsche Bank a Invesco, passando per Credit Suisse, Intesa Sanpaolo, Janus Capital Group e Bpm.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, ecco il piano per il 2022

Azimut, la convention detta le linee strategiche

Azimut: un rendimento da primato e nuovi record all’orizzonte

NEWSLETTER
Iscriviti
X