Dati macro deludenti pesano sulle borse dell’Asia

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 9 Marzo 2016 | 09:21
Dalla Cina al Giappone, i dati macro asiatici continuano a mostrarsi deludenti. Inevitabile la reazione dei listini, che tornano a subire prese di profitto e chiudono in calo

ASIA GENERALMENTE DEBOLE, PESANO I DATI CINESI – I deludenti dati di ieri sull’andamento delle esportazioni cinesi a febbraio e il nuovo stop al rialzo delle quotazioni petrolifere hanno fatto scattare nuove prese di profitto a Tokyo, dove l’indice Nikkei225 ha chiuso la giornata a 16.642,20 yen (-0,84%). Ieri era giunta anche la notizia che nel quarto trimestre 2015 l’economia nipponica era calata dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti, segnando così un rialzo dello 0,5% nell’intero 2015. In rosso stamane anche i mercati cinesi, con l’indice Csi 300 che ha accusato un calo dell’1,15%, mentre Hong Kong è riuscito a contenere i danni terminando a -0,08%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: un avvertimento sulla Cina

Etf, da Ubs AM un innovativo prodotto sul Nasdaq cinese

Asset allocation, sull’azionario cinese torna la volatilità ma niente paura

NEWSLETTER
Iscriviti
X