Per il mercato la Bce taglierà e amplierà il QE ma non servirà alla crescita

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 9 Marzo 2016 | 10:39
Nel primo anno di attuazione del QE da parte della Bce l’indice Eurostoxx50 è calato del 17%, mentre la volatilità è tornata ai livelli 2008 nonostante i tassi sotto zero

LA BCE NON HA LA RICETTA PER LA CRESCITA – La Bce di Mario Draghi ha le armi spuntate: nonostante l’unanimità degli economisti che hanno partecipato a un sondaggio dell’agenzia Bloomberg abbia dichiarato di attendersi per domani un nuovo taglio dei tassi ufficiali Bce al termine dell’incontro di domani, e il 73% abbia aggiunto di aspettarsi un ampliamento o estensione del programma di quantitative easing (QE), i gestori dei fondi sono scettici su un eventuale rally post-riunione.

I TASSI BASSI NON HANNO PORTATO A MAGGIORI PROFITTI – Del resto nei primi 12 mesi di QE l’indice Eurostoxx50 ha segnato un calo del 17%, non un rialzo, mentre la volatilità è tornata su livelli che non si vedevano dal 2008. Segno che con una inflazione che resta prossima  a zero e una crescita europea che definire anemica e frammentaria è un eufemismo, i mercati sono convinti che non sia Mario Draghi ad avere la bacchetta magica per modificare lo scenario in essere. Più che ulteriori stimoli monetari i mercati avrebbero bisogno di migliori stime sugli utili o di un numero più consistente di sorprese positive in merito agli stessi, due elementi su cui la politica della Bce non sembra aver avuto né poter avere alcuna influenza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, 2 su 5 hanno qualcosa da nascondere

Bce: acquisti invariati, la spesa fiscale determinerà la crescita

Mercati, Bce: le previsioni di analisti e gestori

NEWSLETTER
Iscriviti
X