Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

IRMA FA MENO PAURA – Il passaggio dell’uragano Irma sopra la Florida del Sud per ora non fa tremare la borse. Dopo le prime rilevazioni, infatti, la stima dei danni potenziali si è ridotta notevolmente calando da 200 miliardi ipotizzati fino a ieri a circa 50 miliardi. Tirano un sospiro di sollievo i grandi gruppi riassicurativi, a partire da quelli europei: la svizzera Swiss Re segna stamane +4,32%, la tedesca Munich Re guadagna il 4,07%.

ASSICURAZIONI IN RIPESA IN EUROPA – Inizio di settimana positivo anche per la principali compagnie assicurative del vecchio continente: Zurich Insurance Group è indicata stamane a +1,82%, Axa sale dell’1,94%, Allianz oscilla a +1,39%, mentre Generali a Piazza Affari è in rialzo del 2,07%. Sempre a Milano brillano anche Unipol (+5,23% dopo il giudizio positivo di Mediobanca), Cattolica Assicurazioni (+1,92%) e Vittoria Assicurazioni (+0,64%).

LA RIPRESA SI RAFFORZA ANCHE IN ITALIA – Oltre ai minori timori per quanto riguarda l’andamento dei danni legati alla stagione degli uragani negli Stati Uniti e ai nubifragi in Europa, a favorire il rimbalzo del settore assicurativo tricolore è anche il dato, migliore delle attese, della produzione industriale che a luglio segna un +4,4% su base annua contro attese intorno a +3,7%. Una conferma che la ripresa sta finalmente consolidandosi anche nel “bel paese” e che dunque la politica ultrarilassata della Bce è ormai avviata alla fine, con un prevedibile rialzo dei tassi di mercato che potranno fare bene alla redditività del comparto finanziario e assicurativo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!