Veneto Banca si concentra su aumento e sbarco a Piazza Affari

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Aprile 2016 | 11:35
Per Carrus (Veneto Banca) ci si deve aggregare a partner forti, ma in Italia sono pochi. La priorità ora sono l’aumento e lo sbarco a Piazza Affari, senza dover ricorrere ad Atlante

CARRUS: PARTNER DEVE ESSERE FORTE – Per Cristiano Carrus, amministratore delegato di Veneto Banca, in Italia ad oggi possibile non esistono molti partner a cui guardare nel settore bancario ma solo pochi, e tra questi solo alcuni coi quali l’istituto potrebbe sviluppare sinergie. “Se dovessi firmare di aggregarmi” a Bpm e Banco Popolare “tra due anni, firmerei subito, perché sarà una storia di successo e una banca come la nostra non può che aggregarsi a una storia di successo” ha esemplificato Carrus. “Non bisogna cercare mai un compagno debole, ma uno forte e che ti faccia crescere” ha concluso il banchiere, che ha tenuto a sottolineare come per ora le priorità del gruppo siano il varo dell’aumento di capitale da un miliardo di euro e la contestuale quotazione in borsa prevista per metà giugno.

GROS-PIETRO: NON CERCHEREMO AIUTO DI ATLANTE – Riguardo all’aumento sempre oggi Gian Maria Gros-Pietro, presidente del Cda di Intesa Sanpaolo che tramite la controllata Banca Imi garantisce l’operzione, ha commentato che le condizioni di mercato dovrebbero consentire il successo della ricapitalizzazione e della quotazione di Veneto Banca senza dover far ricorso al fondo Atlante, che intanto ha già fatto sapere di essere interessato a sottoscrivere i titoli di Banca popolare di Vicenza solo se non saranno valorizzati oltre il minimo della forchetta, ossia 0,10 euro l’uno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti