Milano positiva sul finale grazie a Draghi, che fa ripartire le banche

A
A
A
di Luca Spoldi 21 Aprile 2016 | 15:53
Seduta ricca di dati macro ma a dare la scossa è Mario Draghi che ha ribadito: la Bce proseguirà nella sua politica monetaria ancora a lungo. E le banche sono subito ripartite

DRAGHI (BCE): TASSI BASSI A LUNGO – Giornata trascorsa ad analizzare i dati macro diffusi in Europa e in America e le parole di Mario Draghi, che ribadisce come la Bce, “per fortuna indipendente”, proseguirà con le misure che riterrà più appropriate a contrastare la tendenza deflattiva e a supporto della crescita, anche se è prevedibile che i tassi restino su livelli anche più bassi degli attuali ancora a lungo, e comunque almeno per tutto il prossimo anno.

BPER E MEDIOBANCA IN LUCE, DEBOLE SNAM – A fine seduta a Piazza Affari l’indice Ftse Mib guadagna lo 0,40%, il Ftse Italia All-Share chiude a +0,33% e il Ftse Italia Star termina a -0,11%. Tra le blue chip tricolori rimbalzano i bancari con Bper, Mediobanca, Mps, Bpm e Unicredit tra i due e i tre punti di guadagno a testa. In frenata energia e lusso, con Snam, Salvatore Ferragamo, Terna e Yoox Net a Porter tra i peggiori della giornata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

BPER Banca , cambio di generazione ed esuberi

Banche: diminuiscono le società, aumentano gli utili

Consulenza, un nuovo centro private per Bper

NEWSLETTER
Iscriviti
X