La Fed come previsto non muta i tassi nè i toni

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Aprile 2016 | 07:50
Come previsto la Federal Reserve ha mantenuto ieri sera immutati i tassi sul dollaro. Anche i toni del comunicato non sono mutati, lasciando aperta la porta a un rialzo a giugno

LA FED NON MUTA TASSI NE’ TONO – Tutto fermo sul fronte della politica monetaria americana. Ieri sera la Federal Reserve come da previsioni ha lasciato invariati i tassi ufficiali sul dollaro nel range tra 0,25% e 0,50% senza neppure porre eccessiva enfasi sugli ultimi dati macroeconomici e confermando le previsioni già elaborata a marzo. Al tempo stesso l’attuale bassa inflazione continua a essere ritenuta un fenomeno passeggero, destinato a scomparire quando gli effetti del calo dei prezzi dell’energia scompariranno e il mercato del lavoro “si rafforzerà ulteriormente”.

POSSIBILE RIALZO TASSI A GIUGNO – Un esito ampiamente scontato dal mercato, tanto che Wall Street ha chiuso in lieve rialzo col Dow Jones +0,28%, l’S&P500 a +0,16% mentre il Nasdaq ha ceduto lo 0,51%. L’esito della riunione del Fomc peraltro lascia aperta la porta, anche in questo caso come previsto, a un ritocco dei tassi all’insù alla prossima riunione di inizio giugno, quando saranno disponibili nuove stime su Pil, mercato del lavoro e inflazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Jackson Hole, parola a Powell

Banche centrali, il rischio dell’impotenza

Tassi ufficiali Usa: per Ubs resta possibile primo calo

NEWSLETTER
Iscriviti
X