La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

A
A
A

Calano le probabilità di una vittoria dei sostenitori della “Brexit” al referendum del 23 giugno in Gran Bretagna, così la sterlina recupera parte del terreno perso

Luca Spoldi di Luca Spoldi18 maggio 2016 | 13:46

BREXIT MENO PROBABILE, STERLINA RISALE – Il rischio “Brexit” sembra allontanarsi: secondo un panel di “super previsori” elaborato da Good Judgement  solo il 24% degli elettori inglesi pare intenzionato a votare a favore dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea nel referendum del prossimi 23 giugno, contro il 37% stimato in aprile. Il dato sembra anche indicare che alcuni analisti come quelli di Goldman Sachs (che assegna alla “Brexit” una probabilità del 45%), Morgan Stanley (35%) e Citigroup (tra il 30% e il 40%) hanno finora sopravvalutato le probabilità di un esito favorevole alla “Brexit”. Intanto la sterlina, dopo aver perso quota nelle ultime settimane per il timore di una cospicua svalutazione che potrebbe seguire l’addio della Gran Bretagna alla Ue, torna a recuperare e torna a quota 1,1281 contro euro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 4/1/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Lega e M5S, braccio di ferro sul deficit

Si rimarrà entro il livello del 2% oppure prevarrà la linea di Di Maio? ...

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Investec AM

Intervista Gianluca Maione, country head Italia di Investec Asset Management. ...