Per Standard and Poor’s tre fattori aiuteranno la Bce contro la deflazione

A
A
A
di Luca Spoldi 30 Maggio 2016 | 15:15
Secondo Standard & Poor’s 3 fattori danno una mano alla Bce nella lotta alla deflazione: le quotazioni petrolifere, il rialzo dei tassi Fed e la buona tenuta della crescita in Europa

I TRE FATTORI CHE SOSTENGONO I PREZZI – Sono tre i fattori che stanno contribuendo ad allentare la pressione deflazionistica in Europa, secondo un’analisi di Starndard & Poor’s. Anzitutto i prezzi dei prodotti petroliferi hanno cessato di scendere ed anzi sono tornati a recuperare moderatamente terreno; poi vi sono segnali che fanno propendere per un rialzo dei tassi della Federal Reserve forse già in giugno; infine l’economia di Eurolandia sta dando una buona prova di resistenza con qualche segnale di accelerazione.

LA BCE NON PORTERA’ I TASSI ULTERIORMENTE IN NEGATIVO – E’ pertanto improbabile, spiegano gli analisti di Standard & Poor’s, che la Bce possa far andare in territorio ulteriormente negativo i tassi sui depositi in eccesso mantenuti dalle banche di Eurolandia presso la stessa Eurotower. Quanto all’inflazione in sé, nonostante ancora ad aprile sia tornata a calare a -0,2%, gli analisti si attendono un rapido recupero alla fine dell’anno. Nel frattempo l’inflazione implicita nelle previsioni di mercato sta rialzandosi e al 26 maggio era risalita all’1,48% annuo, contro l’1,39% implicito allo scorso 20 aprile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Le tre variabili per la Germania

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

Mercati: fin che la barca va…

NEWSLETTER
Iscriviti
X