La Cina fa shopping di infrastrutture in Germania

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 6 Giugno 2016 | 15:01
L’82,5% dell’aeroporto di Francoforte-Hahn passa al gruppo cinese Shangai Yiqian Trading, per una cifra tra 10 e 50 milioni di euro. Anche il restante 17,5% sarà presto ceduto

LA CINA FA SHOPPING IN GERMANIA – Land della Renania Palatinato ha annunciato la cessione dell’82,5% dell’aeroporto Francoforte-Hahn al gruppo cinese Shangai Yiqian Trading per una cifra tra 10 e 50 milioni di euro. Shangai Yiqian Trading  in una nota segnala che intende rafforzare l’attività dello scalo tedesco grazie ad una collaborazione con imprese asiatiche con l’obiettivo di incrementare il volume dei passeggeri che ogni anno transitano dall’aeroporto di Francoforte-Hahn, una ex base militare della Nato che nel 1993 venne riconvertita in aeroporto civile.

UNA INFRASTRUTTURA DA RILANCIARE – Il bilancio 2016 di Francoforte-Hahn si dovrebbe chiudere in rosso per 16 milioni. Negli ultimi anni il numero dei passeggeri dello scalo tedesco è decisamente diminuito, passando dagli oltre 4 milioni del 2007 ai circa 2,7 milioni attuali, con un parallelo calo dell’attività cargo. Il Land dell’Assia possiede il restante 17,5% di Francoforte-Hahn ed ha già fatto sapere di voler imitare il Land della Renania Palatinato, avendo già in corso colloqui per cedere quanto prima la sua quota.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet WM: “Coronavirus, per la ripresa è utile guardare alla Cina”

Consulenti, la Cina è tornata!

Guerra dei dazi, mossa distensiva Usa in vista dell’accordo

Brexit e accordo USA-Cina tengono in allerta i mercati

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Ti può anche interessare

La settimana dei mercati: la paura non durerà per sempre

Una sintesi ragionata della settimana finanziaria appena conclusa. A cura di Mark Dowding, CIO di B ...

La gufata del venerdì: il bazooka di Draghi ci seppellirà

“Una decisione sbagliata e dannosa”. Così l’economista Michele Boldrin, intervist ...

BNP Paribas e Intermonte, un webinar sulla situazione dei mercati

BNP Paribas e Intermonte organizzano mercoledì 18 marzo alle ore 17:30, il webinar “Volatilit ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X