Referendum in Gran Bretagna, gli scenari di Credit Suisse

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Giugno 2016 | 15:04
Se gli inglesi voteranno col portafoglio non ci saranno dubbi sulla permanenza della Gran Bretagna nella Ue. Ma potrebbe non andare così. Gli scenari post-voto di Credit Suisse

TENSIONI POLITICHE E RECESSIONE SE VINCE LA BREXIT – Il Credit Suisse così sintetizza in una nota le possibili conseguenze del voto di domani in Gran Bretagna. Se vincesse il “leave” (ossia la “Brexit”) l’economia del Regno Unito rischia di cadere in recessione, quella di Eurolandia di rallentare nuovamente e per limitare i danni sia la Bank of England sia la Banca centrale europea potrebbero allentare ulteriormente la politica monetaria.

SE IL REGNO UNITO RIMANE, LA CRESCITA ACCELERERA’ – Lo stress politico sarebbe elevato in Gran Bretagna, ma i mercati si concentrerebbero soprattutto sulle crescenti tensioni nei paesi del Sud Europa. In caso di vittoria del “remain”, vi sarebbe una residua tensione politica in Gran Bretagna, la cui economia dovrebbe però recuperare forza dopo un primo semestre dell’anno deludente, mentre la crescita di Eurolandia continuerebbe ad essere guidata dalla crescita della domanda interna. La BoE e la Bce rimarrebbero a quel punto alla finestra per il resto dell’anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti