Brexit: il terremoto finanziario non si arresta

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 27 Giugno 2016 | 07:01
Prosegue il terremoto finanziario innescato dalla “Brexit” con la sterlina che torna a livelli che non si vedevano dal 1985 contro dollaro. Tokyo rimbalza, borse europee in rosso

STERLINA PROSEGUE CADUTA – Il terremoto finanziario innescato dalla vittoria della “Brexit” al referendum britannico di giovedì scorso prosegue anche stamane alla riapertura dei mercati, con la sterlina che cede ulteriore terreno arrivando a toccare i minimi degli ultimi 31 anni.

TOKYO RIMBALZA, EUROPA VERSO APERTURA IN ROSSO – La valuta britannica cede infatti un altro 2% sul dollaro oscillando a 1,3386 contro il biglietto verde prima di risalire a 1,3444, mentre contro euro la sterlina oscilla al momento a 1,2153 dopo un minimo a 1,212. Ancora molto volatili le borse: se Tokyo vede l’indice Nikkei225 rimbalzare del 2,39% a 15.309,21 yen, Hong Kong cede  un ulteriore 0,44%, mentre i future sui principali indici azionari europei sono anche stamane in rosso lasciando presagire ulteriori cali in apertura di seduta.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X