Brexit, Smith (Tcw): “Ha spostato gli equilibri mondiali”

A
A
A

Per il gestore esperto di reddito fisso, l’uscita dall’Ue di Londra cambierà notevolmente l’influenza del Regno Unito a livello internazionale

Andrea Telara di Andrea Telara28 giugno 2016 | 09:35

CAMBIO DI EQUILIBRI- “Nel breve termine, è lecito aspettarsi una contrazione economica in Gran Bretagna di cui risentirà anche l’economia globale che stava già facendo fatica a creare una vera crescita economica”. E’ l’analisi sugli scenari post-Brexit di Brian J. Smith, senior vice president U.S. Fixed Income di Tcw. Inoltre, secondo J. Smith, “cambierà notevolmente l’influenza del Regno Unito a livello mondiale”. Il distacco del Paese dall’Unione Europea, infatti, probabilmente modificherà gli sviluppi geopolitici futuri, anche considerando che il Regno Unito è uno degli alleati chiave degli Usa in Europa. Solo il tempo ci dirà se il rapporto Stati Uniti-Gran Bretagna resterà lo stesso. “In più, l’esito del voto britannico aumenta i timori nei confronti di altri referendum simili sulla permanenza nell’Ue”, ricorda ancora il gestore, che sottolinea come “l’economia della Germania è relativamente solida e non ha bisogno dei tassi negativi e degli stimoli monetari della Bce, mentre quella dell’Italia sta arrancando e non sarebbe in grado di resistere a una ricapitalizzazione bancaria forzata”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 14/05/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Pil, le grandi banche sono pessimiste

Unicredit e Barclays prevedono un anno in salita per l'economia italiana ...

Cina, grande caccia all’equity

Dalla Casa Bianca arriva aria di ottimismo riguardo la relazione tra le due economie più grandi del ...