Idb: la Brexit spinge gli investimenti in diamanti

A
A
A
di Chiara Merico 12 Luglio 2016 | 06:45
Secondo i dati della società le transazioni sono aumentate del 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e il mercato è diventato ancora più liquido.

TRANSAZIONI IN CRESCITA – Nel primo semestre 2016 le transazioni in diamanti da investimento sono incrementate del 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, raggiungendo ora i 125 milioni di euro. Lo rivela IDB, Intermarket Diamond Business S.p.A, leader in Italia nella vendita e nell’intermediazione di diamanti da investimento. Le ragioni sono da ricercarsi nelle incertezze sui mercati, i tassi a rendimento zero se non negativo e naturalmente i timori a seguito del voto britannico.  “La Brexit senz’altro catalizzerà la domanda di beni rifugio come il diamante da investimento, ma la stabilità delle nostre vendite ormai ci fa percepire in maniera minore questi sobbalzi. La nostra stessa modalità di vendita è tutta votata a scoraggiare gli investimenti emozionali, figli della paura. Anche se è naturale che vi sia una correlazione tra incertezza percepita sui mercati e desiderio di proteggere il capitale – ha spiegato Claudio Giacobazzi, amministratore delegato di Intermarket Diamond Business – si tratta di una scelta che va orientata alla conservazione e alla stabilità del patrimonio nel tempo a prescindere dalla volatilità dei mercati”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X