La Turchia rende prudente Wall Street, risale l’oro

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 18 Luglio 2016 | 14:20
Gli Usa osservano l’evolversi della situazione in Turchia e avvertono Erdogan: rispetti i principi democratici

NEW YORK GUARDA ALLA TURCHIA – Wall Street parte in punta di piedi, mentre gli Usa avvertono Erdogan che dovrà rispettare i principi democratici nella sua reazione al fallito colpo di stato se vorrà che la Turchia mantenga il suo posto nella Nato. Dopo tre quarti d’ora di scambi a New York il Dow Jones segna +0,05%, l’S&P500 non va oltre +0,02% e il Nasdaq sale dello 0,35%.

BOND STABILI, ORO IN RIPRESA – I T-bond dal canto loro vedono il rendimento sul titolo decennale oscillare sull’1,57% e quello sul trentennale attorno al 2,29%. L’oro recupera 6,6 dollari l’oncia risalendo a quota 1.334 dollari, l’argento scivola invece di 11 centesimi a 20,05 dollari e il petrolio frena a 44,96 dollari al barile, circa un dollaro meno del fixing di venerdì scorso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: c’è sempre spazio per i bond

Asset allocation: occhio al rischio inflazione per i bond

Investimenti, il miraggio del 3%

NEWSLETTER
Iscriviti
X