Apple mette di buon umore Wall Street

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 27 Luglio 2016 | 14:46
Mattinata in modesto rialzo per gli indici di New York grazie ai buoni risultati di Apple e all’annuncio di nuovi stimoli fiscali da parte del premier giapponese Shinzo Abe

WALL STREET IN MODESTO RIALZO – Avvio di seduta moderatamente positiva a New York, dove gli indici azionari oscillano attorno allo 0,10%-0,15% di rialzo, con gli investitori attenti sia alle trimestrali sia alle notizie macroeconomiche provenienti dal Giappone. Quanto alle trimestrali, Apple ha battuto le attese, volando a 10,75 dollari per azione (+7,3%) e contribuendo a spingere l’S&P500 ad un nuovo record storico. Meno convincenti i numeri di Coca Cola, che così cede il 3,1% a 43,47 dollari per azione.

ABE PROMETTE NUOVI STIMOLI, LO YEN CALA – Mentre in Europa l’Eurostoxx50 sale dell’1,1%, dal Giappone arriva la notizia di un nuovo pacchetto di stimoli fiscali per l’equivalente di 265 miliardi di dollari annunciato dal premier Shinzo Abe senza però il consueto ampio risalto sui media e senza il dettaglio della spesa aggiuntiva netta per il 2016. Una mossa che potrebbe indurre anche la Bank of Japan ad annunciare nuovi stimoli monetari entro venerdì prossimo e che indebolisce lo yen nei confronti del dollaro.

T-BOND E ORO IN RIPRESA – In attesa di vedere cosa deciderà la Federal Reserve al termine del Fomc (il mercato non prevede particolari annunci), i T-bond vedono il rendimento decennale scivolare sull’1,54% sul titolo decennale e sul 2,25% sul trentennale. L’oro oscilla sui 1.326,3 dollari l’oncia, recuperando 5,5 dollari sulla chiusura di ieri, mentre l’argento è indicato a 20,06 dollari (37 centesimi meglio di ieri). Infine il petrolio rimbalza debolmente a 43,13 dollari al barile, una ventina di centesimi sopra il fixing precedente).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gli Etf arricchiscono le big tech. Da sole capitalizzano quasi il 40% del Nasdaq

Disinvestire dalle big tech? Prematuro, nonostante le nuvole all’orizzonte

Dopo Tesla anche Apple è pronta a comprare Bitcoin?

NEWSLETTER
Iscriviti
X