Apple mette di buon umore Wall Street

A
A
A

Mattinata in modesto rialzo per gli indici di New York grazie ai buoni risultati di Apple e all’annuncio di nuovi stimoli fiscali da parte del premier giapponese Shinzo Abe

Luca Spoldi di Luca Spoldi27 luglio 2016 | 14:46

WALL STREET IN MODESTO RIALZO – Avvio di seduta moderatamente positiva a New York, dove gli indici azionari oscillano attorno allo 0,10%-0,15% di rialzo, con gli investitori attenti sia alle trimestrali sia alle notizie macroeconomiche provenienti dal Giappone. Quanto alle trimestrali, Apple ha battuto le attese, volando a 10,75 dollari per azione (+7,3%) e contribuendo a spingere l’S&P500 ad un nuovo record storico. Meno convincenti i numeri di Coca Cola, che così cede il 3,1% a 43,47 dollari per azione.

ABE PROMETTE NUOVI STIMOLI, LO YEN CALA – Mentre in Europa l’Eurostoxx50 sale dell’1,1%, dal Giappone arriva la notizia di un nuovo pacchetto di stimoli fiscali per l’equivalente di 265 miliardi di dollari annunciato dal premier Shinzo Abe senza però il consueto ampio risalto sui media e senza il dettaglio della spesa aggiuntiva netta per il 2016. Una mossa che potrebbe indurre anche la Bank of Japan ad annunciare nuovi stimoli monetari entro venerdì prossimo e che indebolisce lo yen nei confronti del dollaro.

T-BOND E ORO IN RIPRESA – In attesa di vedere cosa deciderà la Federal Reserve al termine del Fomc (il mercato non prevede particolari annunci), i T-bond vedono il rendimento decennale scivolare sull’1,54% sul titolo decennale e sul 2,25% sul trentennale. L’oro oscilla sui 1.326,3 dollari l’oncia, recuperando 5,5 dollari sulla chiusura di ieri, mentre l’argento è indicato a 20,06 dollari (37 centesimi meglio di ieri). Infine il petrolio rimbalza debolmente a 43,13 dollari al barile, una ventina di centesimi sopra il fixing precedente).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Apple Card, la nuova carta di credito della mela morsicata

Gestori globali, ecco i titoli preferiti

Apple lancia una nuova carta di credito con Goldman Sachs

Apple, la Mela è caduta in testa alle borse

I big tech del mondo schivano 71 miliardi di tasse

Apple cade in borsa, vende meno iPhone del previsto

L’iPhone day fa correre Stmicroelectronics a Milano

Da Apple bonus multimilionario a Tim Cook

Wall Street, Apple perde quota dopo la trimestrale

La giornata a New York: occhio a Apple, GM, Ford e le banche

Apple segna nuovi massimi storici a Wall Street

Apple Pay, presto il debutto in Italia

Non combattete la disruption

Addio petrolio, benvenuta tecnologia: quali erano le 5 aziende di maggior valore nel 2006 e quali sono nel 2016

Wall Street perde quota, delude la trimestrale di Apple

Perché Apple non convince i cinesi (con il suo ultimo evento)?

Wall Street in stallo: brilla Monsanto, incerta Apple

Apple Pay si muove: avviati i primi contatti con le banche italiane

Apple reaches a new milestone: 1 billion iPhones sold

Apple Pay ora disponibile per Visa in Svizzera

Anche Equitalia si fa digital, lanciata l’app per pagare via mobile e tablet

Google non sarà mai una banca

Apple Pay sbarca anche in Canada

Promotori, le 5 app da mettere al polso

New York sottotono, calo di Apple pesa più del recupero del greggio

Apple piace agli investitori di New York

Apple, la iBank si fa sempre più vicina

Wall Street spera in una ripresa più solida

Bnp Paribas, idee per investire su Apple

Apple attacca Nokia: “copiano”

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina: Axa IM

I big del gestito raccontano il loro 2020. ...

Fondi, la grande sfida dei costi

Analisi de L’Economia del Corriere sulle voci di spesa del risparmio gestito con i rendiconti Mifi ...

Pir, un maggio da profondo rosso

Raccolta negativa per i Pir che a maggio hanno registrato un deflusso record in termini di raccolta ...