Borse europee prudenti, pesano parole di Fisher (Fed) su possibile rialzo tassi

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Agosto 2016 | 12:31
Le parole di Stanley Fisher, numero due della Federal Reserve, circa un possibile nuovo rialzo dei tassi Usa fanno frenare le borse prima in Asia, poi anche in Europa.

FISCHER NON ESCLUDE RIALZO TASSI USA – Secondo il vice presidente della Federal Reserve, Stanley Fischer, l’economia Usa è ancora vicina agli obiettivi che si era fissata la banca centrale americana e vi sono segnali di riaccelerazione della crescita. Per questo un ulteriore rialzo dei tassi nel corso dell’anno resta possibile. Le dichiarazioni sono giunte nel fine settimana ed oggi provocano un calo delle borse e delle valute emergenti e un nuovo allungo del dollaro, che a sua volta provoca un ribasso dei prezzi delle materie prime (espressi in dollari).

BORSE FRENANO ANCHE IN EUROPA – Anche le borse europee dopo una partenza positiva tirano i remi in barca: Londra cede lo 0,42%, Parigi segna -0,31%, Francoforte perde lo 0,68%, mentre Milano torna a -0,04% dopo un avvio positivo e Madrid oscilla a -0,20%. L’Eurostoxx50 a sua volta è indicato ora a -0,40%, nonostante alcuni buoni rialzi segnati da Carrefour, Unicredit, Orange e Intesa Sanpaolo; deboli appaiono invece Unibail-Rodamco, Sap, Nokia, Total, Basf, Bayer, Air Liquid e Inditex.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

EuroStoxx50 in stand by in area 3.500 punti

EuroStoxx50 a fine corsa?

Ftse Mib o EuroStoxx50? Ecco le nuove strategie di Vontobel Certificati

NEWSLETTER
Iscriviti
X