Scatta l’allarme per Raiffeisen dopo svalutazioni soci

A
A
A

Scatta l’allarme per Raiffeisen Zentralbank Osterreich, cui fa capo Raiffeisen Bank International, dopo le svalutazioni delle partecipazioni da parte di due soci principali.

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 agosto 2016 | 13:14

RAIFFESENBANK, AZIONISTI SVALUTANO – Scatta l’allarme per Raiffeisen Zentralbank Oesterreich (Rzb), dopo che due dei principali soci principali, Raiffeisenlandesbank Oberoesterreich AG e RLB Steiermark AG, che insieme possiedono il 30% dell’istituto austriaco, tra quelli peggio emersi dagli stress test Eba resi noti un mese or sono, hanno svalutato il valore della propria partecipazione nelle rispettive semestrali, “in parte a causa della debolezza di capitale di Raiffeisen Zentralbank Oesterreich” come hanno scritto entrambi. L’azionista principale di Rzb, Raiffeisenlandesbank Niederoesterreich-Wien AG, deve ancora diffondere la semestrale e non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

INDICI DI CAPITALE TROPPO DEBOLI – Raiffeisen Zentralbank Oesterreich è l’istituto centrale del principale gruppo bancario cooperativo dell’Austria e possiede il 61% della quotata Raiffeisen Bank International AG (Rbi). Entrambe le semestrali hanno segnalato anche come la svalutazione sia stata decisa alla luce di livelli di indici capitali “bassi nei confronti di concorrenti internazionali e prossimi ai livelli che porterebbero all’intervento delle autorità”, anche se nessuno dei due istituti ha citato quale tipo di intervento sarebbe prossimo.

SI VALUTA FUSIONE CON RAIFFEISEN BANK INTERNATIONAL – Al termine degli stress test Eba Raiffeisen Landesbanken Holding, che controlla direttamente Rzb ha visto il coefficiente common equity Tier 1 calare al 6,1% nello scenario avverso, facendo meglio solo dell’italiana Mps e dell’irlandese Allied Irish Banks. Per cercare di rafforzare il capitale, la cui debolezza pare amplificata dal complesso sistema di controllo a più livelli, Rzb sta valutando l’ipotesi di una fusione con la sua principale controllata, Rbi. Una decisione in merito dovrebbe essere presa entro il mese prossimo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Bitcoin nel mirino in Francia

Campanello d’allarme dell’authority transalpina che vigila sui mercati finanziari ...

Infocamere amplia le sue funzioni

Da oggi è Local Operating Unit (LOU) per l’assegnazione, il rinnovo e la gestione informatica del ...

Jerusalmi (Borsa Italiana): “Nessuna bolla sui Pir”

L’ad di Borsa Italiana sdrammatizza gli allarmismi sui piani individuali di risparmio. ...