Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 15 Settembre 2016 | 14:04
Anche la Banca nazionale svizzera preferisce tenere i tassi fermi e attendere l’evolversi della situazione sulla Brexit e sui tassi Usa. Ma ribadisce: pronti a intervenire sui cambi

ANCHE LA SVIZZERA NON TOCCA I TASSI – Non solo la Bank of England: a restare alla finestra oggi è anche la Banca nazionale svizzera, che conferma dunque i tassi sul franco sul minimo record di -0,75%. L’istituto centrale elvetico si è inoltre dichiarato pronto a intervenire nuovamente sul mercato dei cambi (per evitare un eccessivo rafforzamento della propria valuta, ndr), se le circostanze lo richiederanno.

L’INCERTEZZA SULLA BREXIT RESTA ALTA – A dispetto dei dati macro migliori delle attese visti in queste settimane, anche i banchieri centrali svizzeri restano infatti preoccupati dei possibili sviluppi della Brexit. Alla riunione non è seguita alcuna conferenza stampa, ma il presidente dell’istituto, Thomas Jordan, aveva anticipato ieri in un’intervista radiofonica che “abbiamo avuto la Brexit, i cui effetti diretti non sono stati forti come anticipato, ma ciò nonostante l’incertezza è cresciuta in misura marcata, come si vede nelle previsioni (di crescita, ndr) per l’Europa e la Gran Bretagna”.

SI ATTENDONO LE MOSSE DELLA FED – Proprio aver sottolineato di essere pronti a intervenire nuovamente sui cambi (la Banca nazionale svizzera aveva venduto franchi svizzeri sul mercato subito dopo l’esito del referendum britannico del 23 giugno) è l’elemento giudicato dagli intermediari come il più importante tra quelli emersi al termine di una riunione ordinaria, come inevitabilmente non poteva che essere l’appuntamento odierno visto che la prossima settimana si riuniranno (il 21 settembre) sia la Bank of Japan sia, ancor più importante, la Federal Reserve, per decidere che fare sui tassi. Con una probabilità elevata che anche queste due banche centrali restino alla finestra, ma senza che si possano del tutto escludere sorprese.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Euro debole, lo yuan potrebbe imitarlo a breve

NEWSLETTER
Iscriviti
X