Petrolio sopra i 47 dollari al barile, corrono Eni, Saipem e Tenaris: durerà?

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 29 Settembre 2016 | 08:06
Petrolio sopra i 47 dollari al barile dopo il primo taglio alla produzione Opec da 8 anni. Bene Eni, Saipem e Tenaris ma il rimbalzo durerà? La risposta non è così scontata

ARABIA ACCETTA TAGLI, GREGGIO RIPARTE – L’inversione ad “u” della politica dell’Arabia Saudita, che al meeting Opec di Algeri ha accettato di tagliare la produzione per sostenere un rialzo dei prezzi del greggio (oggi il future sul petrolio Wti si mantiene sui 47 dollari al barile toccati ieri sera a Wall Street), dopo che per due anni ha prodotto quanto più possibile senza badare al prezzo, potrebbe sostenere a breve termine il rialzo dei titoli petroliferi, ma non è detto sia sufficiente a medio termine.

BUONE NOTIZIE PER KASHAGAN – Se per la prima volta da otto anni l’Opec ha trovato l’intesa per limitare tra 32,5 e 33 milioni di barili al giorno la produzione del cartello, notano molti analisti, un prezzo del greggio stabilmente sopra i 50 dollari al barile renderà redditizi progetti come quello del maxigiacimento di Kashagan, di cui Eni, Exxon, Shell e Total possiedono quote paritetiche del 16,81%, che dunque andrà finalmente in produzione ad un decennio di distanza dalla sua scoperta.

PRODUZIONE DESTINATA A CRESCERE COMUNQUE – La Russia dal canto suo ha appena raggiunto gli 11,1 milioni di barili di petrolio al giorno di produzione in settembre, quasi 400 mila in più di agosto, mentre l’Iran è stato esentato da ogni limitazione e paesi non-Opec come Messico e Norvegia stanno già incrementando la produzione petrolifera. Così nonostante un prezzo del greggio più alto di quanto visto nel corso dell’estate, l’accumulo di scorte sembra destinato a proseguire anche nel 2017.

RIMBALZO AVRA’ VITA BREVE? – In questo modo lo bilancio tra offerta e domanda potrebbe non riassorbirsi nei tempi finora previsti. Il rimbalzo dei petroliferi, che oggi vedono ad esempio Eni risalire del 4% a 12,85 euro per azione, Tenaris segnare +7% a 12,25 euro e Saipem oscillare a +6,4% sulla soglia dei 37 centesimi per azione, potrebbe avere difficoltà ad estendersi più di tanto nel medio termine. Ottima occasione di trading, dunque, ma investire stabilmente in titoli petroliferi sembra essere ancora una scommessa rischiosa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Polizze ora in bolletta con luce e gas

Borse avanti piano, la Yellen indebolisce il dollaro

Titoli petroliferi: non è ancora il caso di indulgere nell’ottimismo

Petrolio sui minimi a 7 mesi, scattano vendite su Saipem, Eni e Tenaris

Notizie positive dall’Iran per Eni, che recupera in borsa

Petrolio riparte, Russia e Arabia Saudita pronte a estendere i tagli produttivi

Piazza Affari chiude in rialzo grazie a Mps ed Eni

Eni e Mps illuminano la giornata di Piazza Affari

Opec: il mercato crede nell’accordo e il petrolio riparte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Piazza Affari chiude a +1%, grazie ai titoli finanziari e petroliferi

Petroliferi sotto pressione, le major tagliano gli investimenti

Borse europee in frenata, ancora male Deutsche Bank

Borse europee in prudente recupero, restano in rosso i petroliferi

Petrolio prova rimbalzo, ma i titoli del settore restano prudenti

Piazza Affari dimezza il rialzo visto in mattinata

Piazza Affari, tornano acquisti sui titoli finanziari

Borse europee interrompono il rialzo, pesano trimestrali e tensione

Da Eni a ConocoPhilips, la stagione delle dismissioni sta partendo

Petrolio: niente accordo a Doha, scattano le vendite

Borse europee in moderato recupero, grazie a petroliferi e finanziari

Borsa di Milano avanti piano, Eni e Saipem subito in luce

Borse: segnali positivi dall’Asia all’Europa

Scorte petrolifere ai massimi negli Usa, ma Eni e Saipem recuperano

Il petrolio rimbalza dai minimi a 13 anni

Europa ancora in calo, pesano Cina e petrolio

Produttori auto indietro tutta sui listini europei

Eni, Saipem e Tenaris in rosso nonostante risalita petrolio

Parigi e Francoforte accelerano al rialzo

Yoox, Unipol e Mediaset corrono, ma i petroliferi frenano gli indici di Milano

Il calo del petrolio non pesa su Eni e Saipem, per ora

Solo Eni e UnipolSai si salvano dal rosso a Milano

Indici in calo, Milano fa eccezione

Ti può anche interessare

Finanza, N26: “Le donne investono meglio”

Donne e denaro: un binomio che spesso porta con sé preconcetti, falsi miti e molti stereotipi secon ...

Azionario, i mercati si preparano a vivere sull’altalena

Azionario, si prospetta un 2020 altalenante Articolo di Alexander Roose, Head of International and S ...

Bluerating Awards 2019, ecco i consulenti finalisti per la categoria Wealth Management

Bluerating Awards 2019, ecco i consulenti finalisti per la categoria Wealth Management. Si avvicina ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X