Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

A
A
A

La sterlina tocca i minimi dal 1985 contro dollaro e non è escluso possa calare ancora entro fine anno. Pesano il rischio di limiti all’accesso al mercato unico post Brexit.

Luca Spoldi di Luca Spoldi4 ottobre 2016 | 11:33

STERLINA AI MINIMI DAL 1985 – Brutta caduta della sterlina stamane sui mercati dei cambi, per il persistere di timori circa gli effetti che la Brexit potrebbe causare una volta attivata la procedura di separazione della Gran Bretagna dall’Unione europea (il premier britannico Theresa May ha indicato per ora marzo 2017 come momento in cui la richiesta sarà formalizzata). Così stamane una sterlina vale 1,2753 dollari, dopo un minimo di 1,2740 che non si vedeva dal 1985, per il timore dell’introduzione da parte europea di limitazioni all’accesso di beni e servizi britannici al mercato unico.

POST BREXIT LIMITI ALL’ACCESSO AL MERCATO UNICO? – In particolare ai servizi finanziari potrebbe essere revocato il passaporto europeo che appare la condizione perché i maggiori gruppi finanziari mondiali continuino a mantenere le proprie attività a Londra. Se poi si guarda alle opzioni sulla sterlina, si nota come non sono da escludere da qui a fine anno ulteriori perdite per la valuta britannica, che è già calata del 14% dall’esito del referendum del 23 giugno scorso ad oggi.

DEBOLEZZA STERLINA PUO’ SOSTENERE EXPORT – Sebbene la debolezza della sterlina fornisca un’arma in più a quella parte del mondo politico britannico che ancora vorrebbe opporsi all’uscita del Regno Unito dalla Ue, per alcuni proprio tale debolezza potrebbe consentire di attutire il previsto rallentamento economico legato alla Brexit, dando una mano all’export, oltre che alla stessa borsa di Londra, il cui indice Ftse 100 è tornato sopra quota 1.000 per la prima volta da 16 mesi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Ti può anche interessare

ITForum 2019, la seconda giornata

Oggi, giovedì 13 giugno 2019, al Palacongressi di Rimini si svolge la seconda giornata della XXI ed ...

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

La crisi britannica ...

BlackRock, valzer di poltrone

Mark Wiedman, capo degli Etf e dei prodotti indicizzati, nominato head of international and corpora ...