Piazza Affari chiude a +1%, grazie ai titoli finanziari e petroliferi

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 5 Ottobre 2016 | 16:04
I finanziari corrono sulle voci (smentite) di un rallentamento degli acquisti di bond da parte della Bce, la borsa di Milano chiude in rialzo. In luce anche Eni e i petroliferi

MILANO NONOSTANTE VOCI TAPERING BCE – Per una volta il peso preponderante dei titoli bancari sugli indici di Piazza Affari porta bene al listino di Milano, che in una giornata negativa per le principali borse europee, innervosite dalla prospettiva, peraltro smentita ufficialmente, che la Bce possa iniziare un processo di “tapering” (riduzione degli acquisti mensili di bond sul mercato), chiude in deciso rialzo, con il Ftse Mib a +1,03%, mentre il Ftse Italia All-Share guadagna lo 0,92% e il Ftse Italia Star segna +0,12%.

BANCHE E ASSICURAZIONI TRAINANO IL MERCATO – Scorrendo i titoli a maggiore capitalizzazione della borsa italiana, si notano i rialzi superiori ai 5 punti percentuali di Ubi Banca, Bpm e Bper, ma anche Generali e Unicredit risalgono di oltre 4 punti percentuali a testa. In controtendenza rispetto al clima generalmente positivo termina invece Mps, che cede il 3,93% continuando a risentire dell’incerto sviluppo delle trattative per cedere le quattro “good bank” e delle eventuali ripercussioni che tale vicenda potrà avere sul rafforzamento del capitale dell’istituto senese.

UTILITIES IN ROSSO, BENE I PETROLIFERI – Deboli anche le utilities fin dalla mattinata, con Terna, Snam, Atlantia ed Enel tutte in rosso tra il 2,89% e l’1,64% a fine giornata. Al contrario segni positivi contraddistinguono l’interno comparto petrolifero, grazie all’ulteriore recupero delle quotazioni del greggio e ad alcuni giudizi positivi come quello di Deutsche Bank che su Eni ha alzato il giudizio da “hold” (mantenere) a “buy” (acquistare), indicando un target price di 15,25 euro dopo che il gruppo italiano ha siglato un accordo ventennale con Bp per la vendita di gas naturale liquefatto (Lng) dal giacimento South Coral, nell’offshore del Mozambico, passaggio che prelude l’avvio del progetto in cui Eni ha una partecipazione indiretta del 50%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Polizze ora in bolletta con luce e gas

Borse avanti piano, la Yellen indebolisce il dollaro

Titoli petroliferi: non è ancora il caso di indulgere nell’ottimismo

Petrolio sui minimi a 7 mesi, scattano vendite su Saipem, Eni e Tenaris

Notizie positive dall’Iran per Eni, che recupera in borsa

Petrolio riparte, Russia e Arabia Saudita pronte a estendere i tagli produttivi

Piazza Affari chiude in rialzo grazie a Mps ed Eni

Eni e Mps illuminano la giornata di Piazza Affari

Opec: il mercato crede nell’accordo e il petrolio riparte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Petrolio sopra i 47 dollari al barile, corrono Eni, Saipem e Tenaris: durerà?

Petroliferi sotto pressione, le major tagliano gli investimenti

Borse europee in frenata, ancora male Deutsche Bank

Borse europee in prudente recupero, restano in rosso i petroliferi

Petrolio prova rimbalzo, ma i titoli del settore restano prudenti

Piazza Affari dimezza il rialzo visto in mattinata

Piazza Affari, tornano acquisti sui titoli finanziari

Borse europee interrompono il rialzo, pesano trimestrali e tensione

Da Eni a ConocoPhilips, la stagione delle dismissioni sta partendo

Petrolio: niente accordo a Doha, scattano le vendite

Borse europee in moderato recupero, grazie a petroliferi e finanziari

Borsa di Milano avanti piano, Eni e Saipem subito in luce

Borse: segnali positivi dall’Asia all’Europa

Scorte petrolifere ai massimi negli Usa, ma Eni e Saipem recuperano

Il petrolio rimbalza dai minimi a 13 anni

Europa ancora in calo, pesano Cina e petrolio

Produttori auto indietro tutta sui listini europei

Eni, Saipem e Tenaris in rosso nonostante risalita petrolio

Parigi e Francoforte accelerano al rialzo

Yoox, Unipol e Mediaset corrono, ma i petroliferi frenano gli indici di Milano

Il calo del petrolio non pesa su Eni e Saipem, per ora

Solo Eni e UnipolSai si salvano dal rosso a Milano

Indici in calo, Milano fa eccezione

NEWSLETTER
Iscriviti
X