Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 6 Ottobre 2016 | 11:02
Un’inchiesta di Bafin fa luce su come tra il 2008 e il 2013 Deutsche Bank abbia contabilizzato impropriamente dozzine di prestiti fuori bilancio come derivati

DEUTSCHE BANK E IL VIZIETTO DEI DERIVATI – Cade una nuova tegola in testa a Deutsche Bank, il cui titolo resta peraltro stabile stamane a Francoforte dove oscilla a 12,08 euro per azione (+0,15%) e metà seduta. Secondo un’indagine commissionata da Bafin (l’autorità tedesca di vigilanza dei mercati finanziari), l’istituto tedesco avrebbe agito d’accordo con Mps per nascondere le perdite della banca tramite l’operazione  Santorini, contabilizzando in maniera scorretta altre decine di operazioni dello stesso tipo.

103 OPERAZIONI MAL CONTABILIZZATE – In tutto, come riporta l’agenzia Bloomberg dopo aver visionato una copia degli atti dell’inchiesta, gli executive di Deutsche Bank avrebbero “aggiustato” 103 operazioni legate a 30 clienti per un valore complessivo di 10,5 miliardi di euro. Nel solo 2013 la banca avrebbe così trasformato 37 operazioni, oltre a quella con Mps (che figura tra i motivi per cui sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di aggiotaggio, falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo alla vigilanza gli ex vertici di Mps Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Luca Baldassarri), da prestiti fuori bilancio a derivati.

APPETITO PER ELEVATA COMPLESSITA’ – L’elevato numero di transazioni finite al centro di un’indagine penale testimonia secondo Bloomberg l’appetito per il rischio e la complessità che Deutsche Bank dimostrava mentre cercava di crescere nel settore del reddito fisso. Mentre Mps, secondo Bafin, è stato l’unico cliente del gruppo tedesco a usare quel tipo di operazioni per abbellire i risultati di bilancio, Deutsche Bank ha comunque contabilizzato irregolarmente dozzine di operazioni effettuate con controparti dall’Italia all’Indonesia tra il 2008 e il 2010.

DEUTSCHE BANK: NESSUN IMPATTO SUI CONTI – Per Bloomberg l’operazione Santorini non venne autorizzata in maniera corretta dai senior manager della banca tedesca che non la riesaminarono adeguatamente neppure dopo essere stati chiamati a comparire dalla Federal Reserve, nel 2012. Immediata la replica di Deutsche Bank, un cui portavoce ha portavoce ha sottolineato come la riclassificazione effettuata dal gruppo nel settembre 2013 non abbia avuto alcun impatto sugli utili e come non sia corretto accostare tali operazioni al caso Montepaschi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Unione bancaria, la mina dei derivati sugli istituti europei

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X