Mercati emergenti, la settimana si preannuncia volatile

A
A
A
di Luca Spoldi 17 Ottobre 2016 | 10:13
Mercati emergenti che rischiano di vivere una settimana volatile, a causa dei numerosi dati macro in arrivo e delle parole di Janet Yellen di venerdì scorso. Valute in calo sul dollaro

INCOGNITA FED – Cosa vuole fare la Federal Reserve? Ancora non è chiaro e se la maggior parte degli analisti si attende un rialzo dei tassi di un quarto di punto a dicembre, le ultime parole di Janet Yellen, venerdì scorso in occasione della conferenza annuale della Fed a Boston, hanno dato l’impressione che il presidente della banca centrale Usa intenda lasciar correre ancora un poco l’economia per compensare ai danni causati dalla crisi del 2008-2009.

EMERGENTI SI INDEBOLISCONO – Questo a sua volta ha innescato vendite sui mercati emergenti stamane, perché se da un lato l’idea che la Fed possa accettare un’inflazione anche leggermente superiore al 2% e una disoccupazione sotto il 5% per qualche mese in più di quanto finora previsto è positiva per i mercati emergenti in termini di possibili maggiori esportazioni, il fatto che la Fed possa voler con questi annunci iniziare a irrigidire leggermente la curva, incrementando lo spread tra tassi a breve e a lungo termine, rischia di fare male ai mercati obbligazionari emergenti, le cui valute sono tornate a perdere quota contro dollaro stamane.

SETTIMANA RICCA DI DATI MACRO – Questa settimana vi saranno poi numerosi dati macro che potrebbero contribuire a fare maggiore chiarezza sull’effettivo stato di salute dell’economia a stelle e strisce e pertanto produrre contraccolpi sui mercati e sulle valute emergenti, tra cui la produzione industriale Usa (in giornata), l’inflazione Usa (domani) e il Pil cinese, mercoledì. Non è dunque da escludere che la settimana possa rivelarsi piuttosto agitata sui mercati emergenti, almeno in termini di volatilità intraday.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Jackson Hole, parola a Powell

Banche centrali, il rischio dell’impotenza

Tassi ufficiali Usa: per Ubs resta possibile primo calo

NEWSLETTER
Iscriviti
X