Naumer (AllianzGI): “La crescita dell’economia è ancora solida”

A
A
A

L’analisi del global head of Capital Markets & Thematic Research di AllianzGI che considera la normalizzazione della politica monetaria rappresenterebbe un significativo passo avanti verso uno scenario post-crisi.

Andrea Telara di Andrea Telara8 novembre 2017 | 12:09

Di seguito il commento di  Hans-Jörg Naumer, global head of Capital Markets & Thematic Research di AllianzGI.

La ripresa dell’economia USA, da cui dipende anche l’andamento di molte altre economie mondiali, dura ormai da metà 2009, vale a dire da circa 100 mesi. Un decorso eccezionale, se si considera che dal 1954 la durata media di una fase di ripresa è sempre stata di circa 64 mesi. In particolare, emerge il fatto che la crescita reale del prodotto interno lordo e il tasso di inflazione siano inferiori alla media. La bassa produttività potrebbe spiegare in parte tale situazione

Nello stesso periodo il mercato azionario (misurato dall’indice S&P 500) ha sempre sovraperformato, contribuendo anche all’incremento annuo del 9% del patrimonio netto delle famiglie.

Al momento l’economia mondiale si trova ancora in una fase di crescita solida, nonostante alcuni segnali di rallentamento. Un simile contesto lascerebbe presagire un lento “ritorno alla normalità” della politica monetaria e dell’inflazione. Dopo diversi mesi di stabilità, ultimamente le pressioni sui prezzi alla produzione sono tornate ad aumentare, sia nei Paesi in via di sviluppo che in quelli avanzati. Lo scenario di reflazione, che da tempo prevediamo, riduce i margini di manovra delle Banche Centrali dei G4 in termini di proseguimento delle proprie politiche espansive. È sempre più probabile che il picco di liquidità verrà raggiunto nel 2018. In tale contesto, la normalizzazione della politica monetaria rappresenterebbe un passo avanti significativo verso uno scenario post-crisi.

Il “ritorno alla normalità” sembra interessare anche il contesto geopolitico, per lo meno stando all’indicatore che misura quanto termini legati all’“incertezza” compaiano sulla stampa mondiale. L’indicatore non si trova più su livelli record e sta tornando alla normalità. E‘ interessante notare come i mercati abbiano guardato oltre le incertezze politiche, preferendo invece concentrarsi sui dati economici.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Allianz GI Investment Forum: clima e guerra commerciale al centro

Allianz GI, un nuovo nome per la sostenibilità

Gestori in vetrina – Allianz GI

Un’esperta di Wealth Management alla guida di Allianz GI (EMEA)

Active is, così Allianz Gi punta ancora sulla gestione attiva

Private, si rafforza l’alleanza tra Mps e Allianz Gi

ConsulenTia 2018/Maxia (Allianz GI): “Contesto più difficile per il reddito fisso”

2018, dividendi da record in Europa

Allianz GI promuove Vigliotti

Allianz Capital Partners unisce le forze con Allianz GI

Dwane (Allianz GI): “Positivi sulle banche europee”

Allianz GI, nuovo ruolo per Battistini

Allianz GI: il voto austriaco rafforza l’ondata populista in Europa

Valzer di poltrone dentro Allianz Gi

Mifid 2, Allianz GI assorbirà i costi di ricerca esterna

Allianz GI: Bce, quale scenario per la riunione del 7?

L’Allianz Volatility Strategy è disponibile anche in classe retail

Quanti affari con l’intelligenza artificiale

Petersen (Allianz Gi): “Ancora qualche rischio politico sui mercati”

Naumer (Allianz GI): Meglio le borse europee di quelle americane

Allianz Global Investors, al via la partnership con State Street

Allianz GI: tre motivi per scegliere la gestione attiva

Allianz GI: rendimenti inferiori allo zero, una novità nella storia obbligazionaria

Utermann (Allianz GI): lunga vita alla gestione attiva!

Fondi, un cambio di casacca da Credit Suisse ad Allianz Global Investors

Allianz GI: nel 2013 la crescita rallenterà ancora

Ti può anche interessare

Oro, c’è da scommetterci: lo dice Schroders

Le aspettative dei tassi e del dollaro Usa rappresentano un catalizzatore per i metalli preziosi. Su ...

Un trust in una storia di sospensione

Protagonista è il signor Luigi Rigon, sospeso a livello sanzionatorio per tre mesi ...

Berlusconi si fa il regalo di Natale: 35 milioni

Cedolone super per l'ex premier ...