Rimborso a chi estingue in anticipo anche per le polizze sui mutui

A
A
A

L’obbligo nasce dal Decreto Legge 179/2012 convertito dallaLegge 221/2012.

Marco Muffato di Marco Muffato10 novembre 2017 | 11:09

Domanda.  Ho letto con enorme interesse la risposta della scorsa settimana (leggi qui) sui rimborsi che spettano ai clienti in caso di finanziamenti estinti in anticipo. Spetta anche per le polizze collegate ai mutui?

F.G, Monza

Risposta. La risposta è affermativa. L’obbligo nasce dal Decreto Legge 179/2012 convertito dalla Legge 221/2012, precisamente dall’articolo 22 comma 15-quater e seguenti dove si prevede che nei contratti di assicurazione connessi a mutui e ad altri contratti di finanziamento, per i quali sia stato corrisposto un premio unico il cui onere è sostenuto dal debitore-assicurato, le imprese, nel caso di estinzione anticipata o di trasferimento del mutuo o del finanziamento, restituiscono al debitore-assicurato la parte di premio pagato relativo al periodo residuo rispetto alla scadenza originaria, calcolata per il premio puro in funzione degli anni e della frazione di anno mancanti Sportello Advisoryalla scadenza della copertura nonché del capitale assicurato residuo. Il rimborso può essere erogato anche dalla banca o finanziaria. Approfittiamo dell’occasione per tornare sul tema dei costi del finanziamento. Oltre i requisiti indicati nella risposta cui il lettore si riferisce, tre freschissime decisioni del Collegio di Coordinamento dell’Abf introducono una nuova distinzione, vale a dire quella tra mediatore creditizio ed agente in attività finanziaria. Il primo opera come semplice intermediario tra il cliente e un finanziatore, il secondo opera invece in esclusiva e conclude contratti per conto di un solo intermediario. Tale fattore comporta l’impossibilità per l’agente in attività finanziaria di pattuire un compenso col cliente, che pertanto non può invocare l’assenza di tale indicazione nei contratti. La norma prevede infatti che il consumatore debba essere informato dell’eventuale compenso da versare all’intermediario del credito per i servizi resi, e che tale compenso sia oggetto di accordo scritto, da stipulare prima della conclusione del contratto. L’agente in attività finanziaria opera per conto di un soggetto, e uno soltanto, e non può quindi stipulare accordi diretti col cliente. Altro aspetto importante per i ricorsi è la prova: il cliente deve fornire al Collegio ogni elemento utile alla decisione. Se non si dispone delle condizioni contrattuali complete, pertanto, occorre domandarne copia prima di presentare il ricorso. In caso contrario, il Collegio domanda al cliente l’integrazione con perdita di tempo per tutti i soggetti coinvolti. Alcuni intermediari, infine, hanno inserito nei contratti delle condizioni che impediscono il rimborso, ma anche qui l’Arbitro è intervenuto a favore dei clienti dichiarando vessatoria, e pertanto nulla ai sensi del Codice del Consumo, ogni clausola che esclude la possibilità di chiedere la restituzione della quota dei costi non maturati in caso di estinzione anticipata.

Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Carta di credito nel C.A.I. Che fare?

Versato assegno postdatato? L’operazione va stornata

Cointestatario incassa buono postale all’insaputa degli altri: il rimedio c’è

Etf esteri, che ingiustizia le due tasse sui dividendi

SPORTELLO ADVISORY – Il destino crudele di un iscritto al Cai

Pagamenti online, l’importanza di ricevere gli sms

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Ti può anche interessare

Natixis, nuovo certificato multi sottostante

Vediamo i dettagli del nuovo prodotto proposto sul Sedex ...

Zurich sempre più smart

Rinnovato l'accordo per lo smart working dei dipendenti ...

DBA Group, approdo in borsa con Cfo Sim

CFO SIM – Corporate Family Office, intermediario finanziario focalizzato sull’attività di f ...