Cfds, opzioni binarie e speculazione, Esma entra a gamba tesa

A
A
A

Contract for difference, opzioni binarie e altri prodotti speculativi, l’utilizzo dei poteri di product intervention da parte dell’Esma

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti18 gennaio 2018 | 10:04

Si sa che negli ultimi anni sono esplose le offerte di investimento legate a prodotti finanziariamente evoluti e dal forte fascino speculativo come cfds e opzioni binarie, alle volta protagonisti di veri e propri casi di scam (termine utilizzato per indicare un tentativo di truffa pianificata con metodi di ingegneria sociale). A tal proposito l’Esma – European Securities and Markets Authority, l’autorità europea di vigilanza dei mercati finanziari, ha deciso di intraprendere una vera e propria battaglia diretta a ostacolare il proliferare incontrollato di tali proposte finanziarie.

In relazione ad una propria comunicazione a tutela dei risparmiatori del luglio 2016 (si veda Consob Informa n. 30/2016 , dove viene segnalato “l’incremento nell’offerta alla clientela retail di prodotti speculativi, quali i contratti per differenza e le opzioni binarie, a cui fa seguito un incremento negli esposti ricevuti dalle autorità di vigilanza di diversi paesi da parte dei risparmiatori che, a seguito del loro acquisto, lamentano ingenti perdite. Al riguardo, l’Esma ricorda come tali prodotti finanziari siano estremamente rischiosi, non standardizzati, offerti e venduti con diverse modalità, termini e condizioni da intermediari – per i quali occorrerebbe verificare che siano effettivamente autorizzati alla prestazione dei servizi di investimento – con campagne pubblicitarie che ne enfatizzano i possibili guadagni senza evidenziarne i rischi e le perdite potenziali) e a un documento del 29 giugno 2017, ha recentemente pubblicato un nuovo documento (il 15 dicembre 2017) nel quale segnala il perdurare delle offerte alla clientela retail di prodotti speculativi, quali i contratti per differenza e le opzioni binarie a fronte delle quali sono stati adottati dalle autorità di vigilanza di alcuni Paesi provvedimenti tesi a limitarne l’offerta.

L’Esma rappresenta di avere allo studio l’adozione di poteri di “product intervention” previsti all’articolo 40 del regolamento Mifir – Markets in Financial Instruments Regulation.
In particolare, l’Esma starebbe valutando la possibilità di adottare provvedimenti restrittivi della durata massima di tre mesi, rinnovabili, finalizzati a:

– proibire la commercializzazione, distribuzione e vendita di opzioni binarie alla clientela retail;

– restringere la commercializzazione, distribuzione e vendita alla clientela retail di contratti per differenza, compresi i contratti “rolling spot forex”.
Quanto ai provvedimenti restrittivi per la commercializzazione dei cfds allo studio, sono:

– limiti di leverage sulle posizioni aperte nei rapporti tra 30:1 e 5:1, a seconda della volatilità degli assets sottostanti ai contratti;

– regole sui margini di chiusura “close-out rule”;

– limiti sulle perdite operative;

– restrizioni sugli incentivi/benefits nella commercializzazione di tali prodotti;

– un warning standardizzato sui rischi di tali prodotti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Società non autorizzate, sfilza di segnalazioni dall’estero

Bankitalia: riusciamo a vigilare solo se ci sono sanzioni penali

Ti può anche interessare

Offensiva Consob contro i broker abusivi

Quattro nomi importanti nel mirino dell’autorità ...

Mercati, obbligazionari con la leva

Un nuovo strumento finanziario proposto da ActivTrades che punta su spread competitivo e leva fino a ...

Esma, gli echi della nuova fiscalità Usa preoccupano l’Europa

L'Autorità risponde alle incertezze europee in merito alla gestione delle novità fiscali Usa. ...