Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

A
A
A

E’ stato approvato dai creditori un piano nell’ambito della procedure di “Recuperacao Judicial”. I possessori dei bond a breve potranno presentare domanda per l’insinuazione del proprio credito al passivo. Ecco come.

Marco Muffato di Marco Muffato2 febbraio 2018 | 08:59

Domanda. Ci sono stati sviluppi nella procedura che riguarda i bond Portugal Telecom? Ho notato che i prezzi fuori mercato sono andati verso quota 40 circa dai precedenti 30. Si muove qualcosa?

P.S., Bologna

Risposta. In effetti si è mosso qualcosa. Nello specifico è stato appena approvato dai creditori un Piano di Riorganizzazione Giudiziale (Judicial Reorganization Pla”) nell’ambito della procedura di “Recuperacao Judicial” (concordato in continuità) in corso presso la Settima Corte del distretto di Rio de Janeiro (7° Corporate Court of the Capital District of Rio de Janeiro)  di cui Bluerating.com Sportello Advisoryaveva dato conto a suo tempo (leggi qui). La procedura riguarda Oi Brasil Holding, che possiede la quarta compagnia telefonica brasiliana e anche Portugal Telecom, società ceduta al gruppo Altice ma il cui debito, per via degli accordi presi con l’acquirente, è rimasto a carico di Oi Brasil. I creditori, inclusi gli obbligazionisti Oi Brazil e Portugal Telecom, debbono presentare istanza di ammissione al passivo e, nel caso in cui il proprio credito sia pari o superiore alla cifra di 50.000 RS, ossia 12.808,36 euro, la procedura richiede, ai fini dell’insinuazione del credito al passivo, che venga presentata una domanda individuale. Tutti gli obbligazionisti superano la soglia, poiché i tagli dei bond sono di almeno 50.000 euro e sono pertanto tenuti a presentare istanza che riguarda esclusivamente la propria posizione, senza procedure collettive.
La domanda di ammissione allo stato passivo dovrà essere presentata entro il ventesimo giorno di calendario successivo alla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Brasiliana della Ratifica del Piano di Riorganizzazione Giudiziale da parte della Corte Brasiliana. La pubblicazione non è ancora avvenuta, ma occorre attrezzarsi -per esempio mettendo assieme la documentazione -perché i tempi sono assai ristretti. Inoltre potrebbe essere necessario avvalersi di un legale in Brasile. Tra le associazioni dei consumatori c’è Aduc (www.aduc.it) che sta già seguendo alcune decine di obbligazionisti. Informazioni aggiornate si possono reperire sui due siti internet attivati dalla procedura (www.recjud.com.br e http://oibrasilholdingscoop-administration.com/restructuring-process/brazilian-rj). Poiché le stime di recovery, vale a dire di recupero complessivo, non superano il 50%, occorre anche seriamente prendere in considerazione la rivalsa nei confronti delle banche negoziatrici, laddove queste non abbiano ottemperato a tutti gli obblighi informativi, per esempio relativamente al rischio.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

SPORTELLO ADVISORY – Il destino crudele di un iscritto al Cai

Pagamenti online, l’importanza di ricevere gli sms

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Ti può anche interessare

Alfieri (Jp Morgan AM): “Il risparmio gestito crescerà ancora”

Parla country head per l’Italia della società di gestione statunitense: “nel 2018 prospettive d ...

Coppia d’assi per un nuovo bond

Dla Piper con Saxa Gres per l’emissione del Grestone Bond ...

Unipol: 9 mesi in rosso, ma meglio del previsto

Il gruppo bolognese ha pubblicato i dati sui primi 3 trimestri del 2017 ...