Banca Mondiale, doppietta sull’EuroMot

A
A
A

Due nuovi prodotti obbligazionari a tasso fisso in uscita

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti13 febbraio 2018 | 15:00

Borsa Italiana ha recentemente dato il benvenuto sul segmento EuroMot a due nuovi strumenti proposti dalla Banca Mondiale. Più nel dettaglio sono disponibili dallo scorso 12 febbraio le obbligazioni Banca Mondiale tasso Fisso 3,00% con scadenza 26 Febbraio 2023 in Peso filippini pagabili in Euro (ISIN XS1767083360) e le obbligazioni Banca Mondiale Tasso Fisso 3,00% con scadenza 26 Febbraio 2023 in Leu rumeni Pagabili in Euro (ISIN XS1767082800).

Si ricorda che si tratta di prodotti finalizzati alla riduzione della povertà e della disuguaglianza (il ricavato sarà utilizzato dalla Banca Mondiale per sostenere il finanziamento di progetti sostenibili sul piano ambientale, sociale ed economico) proposti da un emittente con rating AAA/Aaa di Standard & Poor’s/Moody’s al 30 maggio 2016.

La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BIRS), generalmente nota come «Banca Mondiale», fu infatti costituita nel 1944 con il compito di finanziare la ricostruzione dell’Europa dopo il secondo conflitto mondiale. Oggi la missione della Banca Mondiale è di collaborare con i paesi a reddito medio per ridurre la povertà e promuovere una prosperità diffusa, erogando finanziamenti e favorendo l’istruzione.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La Banca Mondiale punta ancora sullo sviluppo sostenibile

Banca Mondiale lancia due nuove Obbligazioni per lo sviluppo sostenibile

Banca Mondiale, un’obbligazione per lo sviluppo sostenibile

Ti può anche interessare

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

CAPITALI ESTERI IN FUGA DAL QATAR – Depositi esteri in fuga dal Qatar dopo che l’emirato è ...

Lombard Odier IM vede un rialzo dei tassi Usa in dicembre

POCHE NOVITA’ NEL COMUNICATO FED – Come ampiamente previsto la Federal Reserve ha lascia ...

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

DOLLARO IN RIPRESA – Il dollaro recupera finalmente terreno, con l’euro che scivola a 1, ...