Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

A
A
A

Sentenza della Corte d’Appello di Milano che dà ragione alla banca, assistita dall’avvocato Benedetta Musco Carbonaro.

Avatar di Redazione18 giugno 2018 | 10:51

Lo Studio Zitiello Associati, con un team specializzato in contenzioso guidato dalla partner Benedetta Musco Carbonaro (nella foto), ha assistito con successo Credito Emiliano in materia di derivati ottenendo un’importante sentenza da parte della Corte d’Appello di Milano.
La sentenza, 2859/2018, è di assoluta importanza perché la Corte di Appello di Milano, rivedendo completamente il proprio precedente orientamento espresso con la nota sentenza 3459 del 2013, che tanto scalpore aveva creato sul mercato, oltre a confermare la piena legittimità dei derivati anche puramente speculativi, ha affermato che nessuna disposizione della normativa di riferimento prevede l’obbligo di indicare nei contratti il mark to market o gli scenari probabilistici.

“Trattasi di affermazione estremamente significativa”, recita un comunicat dello Studio Zitiello, “perché ribalta in radice quanto affermato dalla stessa sezione della Corte di Appello di Milano nel 2013, allorché la stessa aveva ritenuto che tali carenze informative determinerebbero addirittura la nullità dei contratti derivati per assenza di causa.A tale specifico riguardo la Corte ha affermato che la causa, essendo un elemento essenziale del contratto, costituisce un elemento oggettivo che nulla ha a che vedere con le informazioni rese all’investitore ocomunque con la sfera soggettiva delle parti, pertanto la sua sussistenza è un dato oggettivo che prescinde dalla comunicazione o meno degli scenari probabilistici”.

“Nel caso, quindi, eventuali omissioni informative possono rilevare in termini di risarcimento del danno, ma certamente non in termini di causa del derivato e quindi di nullità”, continua il comunicato che aggiunge: “Ulteriore profilo significativo riguarda il tema dei costi impliciti dei derivati, riguardo ai quali la Corte ha ritenuto essi non hanno niente a che vedere con l’esito finale delle operazioni, né tanto meno con il risultato delle stesse in termini per esempio di addebito dei differenziali. Il che significa che, anche laddove sia configurabile la violazione dell’obbligo di disclosure dei costi impliciti, l’eventuale risarcimento può essere riconosciuto solo in misura pari all’ammontare degli stessi, ossia in buona sostanza limitatamente a quanto il cliente ha pagato in più per la singola operazione, ma non certo in misura pari all’eventuale perdita poi prodotta dal derivato”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credem, Simone Taddei nuovo volto della gestione del personale

Credem, in arrivo 80 nuovi consulenti

Credem, virata direzione polizze

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Credem, Farnè per la sinergia tra le reti

Credem, spinta alla consulenza indipendente

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fondi comuni, vediamo chi è caro e chi no. Anche tra le reti…

Credem, utili record e investimenti nel wealth management

Le donne fantastiche della consulenza

Credem, reclutamenti ad alto potenziale

Credem, su Carige arriva la smentita

Credem: super wealth management e mega reclutamento entro il 2019

Credem cresce nel leasing

Consulenti come Icardi: quando il capitano cambia all’improvviso

Consulenti: Euromobiliare Advisory Sim lancia la sfida

Credem: profitti al top da dieci anni, cala la raccolta indiretta

Credem, coefficienti sopra i requisiti della Bce

Credem, tesori d’oriente

Credem, valzer di poltrone nel wealth management

Credem fa il pieno di cover bond

Credem si prende una fetta di Blue Eye

Credem, nuovi piani di sviluppo nel private

Credem, l’avanguardia nei pagamenti

Un ex Credem nel mirino di Consob

Credem continua a sostenere le Pmi

Troppe violazioni e arriva la radiazione per un ex Credem

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Credem cede Npl per 80 milioni

Credem punta sui giovani

Informazioni errate, stop per 4 mesi a un ex Credem

Credem cresce sotto la Madonnina

Credem mette nel mirino i grandi patrimoni

Ti può anche interessare

Il “buy” del consulente – 18/09/18, da Enel a Ovs

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...

ITForum 2018, tutto pronto per il grande evento

Questa edizione, organizzata da Investment & Trading vedrà l’alternarsi di numeri workshop, t ...

Btp sempre più in mano agli italiani

L’impennata dello spread di metà 2018 ha contribuito a far diminuire la quota di debito pubblico ...