La blockchain entra in banca con we.trade

A
A
A
di Chiara Merico 4 Luglio 2018 | 11:15
La compagnia europea we.trade ha fatto sapere di aver completato le prime transazioni dal vivo sulla propria rete blockchain, coinvolgendo venti aziende e cinque importanti banche. Tra i fondatori dell’iniziativa c’è l’italiana UniCredit.

IL DEBUTTO – La blockchain entra nel vivo dei processi bancari: ieri la compagnia europea we.trade ha fatto sapere di aver completato le prime transazioni dal vivo sulla propria rete blockchain, coinvolgendo venti aziende e cinque importanti banche. Il progetto, che promette di offrire “un modo più economico ed efficiente” di effettuare scambi internazionali per imprese e istituzioni bancarie, si basa sulla Blockchain Platform di IBM, che a sua volta sfrutta la tecnologia Hyperledger Fabric. Grazie a questa tecnologia si punta a risolvere i problemi di sicurezza, eliminando i rischi di frode e di duplicazione legati alla controparte. Tra i membri fondatori dell’iniziativa troviamo numerosi nomi di spessore, come Deutsche Bank, HSBC, KBC, Natixis, Nordea, Rabobank, Santander, Société Générale e l’italiana UniCredit. “Questi scambi rappresentano un ottimo esempio di banche tradizionali che introducono innovazioni per andare incontro alle richieste dei clienti”, ha spiegato Bart Leurs, chief digital transformation officer di Rabobank.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La prima piattaforma autorizzata Consob in blockchain

Etp, da 21Shares il primo strumento al mondo sulla blockchain Solana

Etf, da VanEck un prodotto ad hoc sulla trasformazione digitale

NEWSLETTER
Iscriviti
X