Banco Desio, una semestrale all’insegna della solidità

A
A
A

Buone notizie sul fronte coverage e sulle cessioni di npl

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti3 agosto 2018 | 08:58

Nella giornata dello scorso 2 agosto 2018, il Consiglio di Amministrazione del Banco di Desio e della Brianza (nella foto il presidente della banca e avvocato Stefano Lado) ha approvato la “Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2018. Vediamo insieme i principali dati emersi.

CESSIONE DI NON PERFORMING LOANS per un valore nominale di circa Euro 1,0 miliardi con cartolarizzazione mediante schema GACS esposti tra le Attività in via di dismissione ai sensi dell’IFRS 5 Riduzione “Crediti deteriorati lordi / Impieghi lordi” al 7,4% (ex 15,1% al 31.12.2017) Riduzione “Crediti deteriorati netti / Impieghi netti” al 4,3% (ex 8,4%) Riduzione “Sofferenze lorde / Impieghi lordi” al 3,3% (ex 10,8%) Riduzione “Sofferenze nette / Impieghi netti” all’1,3% (ex 5,0%)

ELEVATI LIVELLI DI COVERAGE sui crediti deteriorati (post-cessione) e sui crediti in bonis 1 Coverage ratio sofferenze al 62,6% e al lordo delle cancellazioni al 67,9% (ex 57,2% e 61,1% al 31.12.2017) Coverage ratio crediti deteriorati al 44,3% e al lordo delle cancellazioni al 48,1% (ex 49,0% e 52,4%) Coverage ratio crediti in bonis allo 0,58% (ex 0,45%)

UTILE NETTO CONSOLIDATO (di pertinenza della Capogruppo) Euro 13,6 milioni (ex Euro 18,2 milioni al 30 giugno 2017), influenzato dall’onere derivante dall’operazione GACS

IMPIEGHI ALLA CLIENTELA ORDINARIA: Euro 9,5 miliardi (-4,1% rispetto allo stock in essere a fine esercizio precedente) prevalentemente per effetto della riclassifica nelle Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione dei crediti oggetto di cessione (Euro 287,8 milioni) e per l’impatto della First Time Adoption del principio contabile IFRS9 – Strumenti Finanziari (Euro 96,9 milioni)

RACCOLTA COMPLESSIVA DA CLIENTELA: Euro 25,4 miliardi (+1,0%) di cui RACCOLTA DIRETTA Euro 11,2 miliardi (+1,6%), con un rapporto Impieghi da clientela ordinaria/Raccolta diretta al 84,8% (ex 89,8%) e RACCOLTA INDIRETTA Euro 14,2 miliardi (+0,6% rispetto alla fine dell’esercizio precedente)


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

La tecnologia al servizio degli investimenti

Sono in arrivo nuove innovazioni sulla piattaforma ActivTrader. Saranno presentate nel corso del pro ...

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Presa di posizione dell’Autorità di vigilanza dei mercati europei ...

Caron (Morgan Stanley IM): “Le scommesse vincenti con i bond”

L’asset manager punta sui titoli emergenti, sui mutui non garantiti e sul mercato investment grade ...