Investimenti, sugli emergenti non pesa la sfida commerciale

A
A
A

L’export dei mercati emergenti rimane forte nonostante i conflitti commerciali mondiali

Avatar di Redazione16 agosto 2018 | 11:15

Nuovo approfondimento in tema di investimenti. Contrariamente alle previsioni, i mercati emergenti non sembrano accusare la sfida delle tariffe commerciali, come ci suggerisce l’analisi a cura di Maarten-Jan Bakkum, Senior Emerging Markets Strategist di NN Investment Partners.

L’export dei mercati emergenti rimane forte nonostante i conflitti commerciali mondiali, con una crescita del 17% su base annua in luglio, stando a un’analisi di NN Investment Partners. Le minacce protezionistiche statunitensi, infatti, devono ancora farsi sentire sui dati reali, con le esportazioni cinesi che a luglio sono aumentate dell’11% a/a rispetto a una crescita media annualizzata del 10% dall’inizio del 2017.

Per i prossimi trimestri prevediamo che sia la crescita delle esportazioni cinesi che quella delle esportazioni degli emergenti nel loro complesso rallenteranno gradualmente fino a raggiungere livelli di circa il 6%. Il commercio asiatico sarà probabilmente influenzato dalle nuove tariffe statunitensi, ma allo stesso tempo gli scambi dell’Asia con l’Europa, con il Giappone e con il resto del mondo emergente dovrebbe reggere bene.  

Il deprezzamento della moneta quest’anno dovrebbe essere un fattore positivo. Inoltre, per gli esportatori di materie prime dell’America Latina e dell’Africa, il nuovo ciclo della politica di stimoli cinese dovrebbe contribuire a sostenere alti tassi di crescita grazie all’accelerazione della crescita degli investimenti fissi cinesi e all’aumento dei prezzi delle materie prime.

 

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, dieci consigli per il 2020

Banca Euromobiliare, una convention per le persone

Pictet AM: l’eurozona, un piano per un futuro più luminoso

Investimenti, tra la stabilità e i rendimenti

Investimenti, l’Europa preferisce tenere i soldi sul conto corrente

Consulenti, la gioventù che non avanza

Pictet AM: Fixed Income – Sbloccare il capitale umano nelle economie emergenti

Deutsche Bank FA, 15 nuovi consulenti per Ruggiu

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Investimenti, high yield, i vantaggi di un approccio globale

Investimenti, asset liquidi e di qualità per vincere la sfida al rendimento

Investimenti: strategie non direzionali, tra dispersione e protezione

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

IWBank, settebello nel reclutamento

Bce, il commiato di Draghi

Investimenti, tra borsa e unicorni

BMO: “Opportunità per il 2020? Gli investimenti più rischiosi”

Fineco a tutto Forex

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Ti può anche interessare

Unicredit vede gli Usa a rischio recessione nel 2020

Qualche gufo all’orizzonte per gli USA. Se da un lato la crescita del pil statunitense è sta ...

Viaggio nel futuro con Credit Suisse AM

Circa 500 partecipanti alla Triennale di Milano per un evento organizzato dalla casa di gestione ...

Flat tax, il governo vuole un’aliquota Irpef del 15% sulle famiglie

Lo ha dichiarato il sottosegretario leghista Armando Siri: allo studio anche un taglio dell'Ires dal ...