Investimenti, sugli emergenti non pesa la sfida commerciale

A
A
A

L’export dei mercati emergenti rimane forte nonostante i conflitti commerciali mondiali

di Redazione16 agosto 2018 | 11:15

Nuovo approfondimento in tema di investimenti. Contrariamente alle previsioni, i mercati emergenti non sembrano accusare la sfida delle tariffe commerciali, come ci suggerisce l’analisi a cura di Maarten-Jan Bakkum, Senior Emerging Markets Strategist di NN Investment Partners.

L’export dei mercati emergenti rimane forte nonostante i conflitti commerciali mondiali, con una crescita del 17% su base annua in luglio, stando a un’analisi di NN Investment Partners. Le minacce protezionistiche statunitensi, infatti, devono ancora farsi sentire sui dati reali, con le esportazioni cinesi che a luglio sono aumentate dell’11% a/a rispetto a una crescita media annualizzata del 10% dall’inizio del 2017.

Per i prossimi trimestri prevediamo che sia la crescita delle esportazioni cinesi che quella delle esportazioni degli emergenti nel loro complesso rallenteranno gradualmente fino a raggiungere livelli di circa il 6%. Il commercio asiatico sarà probabilmente influenzato dalle nuove tariffe statunitensi, ma allo stesso tempo gli scambi dell’Asia con l’Europa, con il Giappone e con il resto del mondo emergente dovrebbe reggere bene.  

Il deprezzamento della moneta quest’anno dovrebbe essere un fattore positivo. Inoltre, per gli esportatori di materie prime dell’America Latina e dell’Africa, il nuovo ciclo della politica di stimoli cinese dovrebbe contribuire a sostenere alti tassi di crescita grazie all’accelerazione della crescita degli investimenti fissi cinesi e all’aumento dei prezzi delle materie prime.

 

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bluerating News del 24/1/19: ecco tutti i protagonisti

Fondi, top e flop del 24/01/19

Banca Generali: 3 fasi per la trasformazione digitale

Consulenti, il successo in 4 mosse

Fondi, top e flop del 23/01/19

Consulenza, l’alba dell’era dell’open banking

Etf, Ubs AM amplia la gamma sostenibile

Albo, 110 (indipendenti) e lode

Investimenti: il biotech vale una scommessa

Jupiter AM, un ex Janus Henderson al comando

Investimenti: trimestrali USA in chiaro scuro

Assogestioni: un aiuto interpretativo sui nuovi Pir

Doppietta di gestori per Robeco

Fondi, top e flop del 21/1/2019

Investimenti: il 2019 inizia col sorriso

Bluerating News del 16/1/18: ecco tutti i protagonisti

Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

Scene da una Brexit

Pictet: due alternative per guadagnare a inizio 2019

5 proposte per salvare il risparmio gestito

Azimut scarica In Alternative

Consulenti, che peso le fee di performance

Fondi, top e flop del 10/01/19

Derivati, parte l’offensiva della vigilanza dopo Mifid 2

Azimut, il 2018 si chiude col sorriso

Firme contraffatte e altre violazioni, radiato consulente

Investimenti: valute in prima linea

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Così le sgr affiancano le reti

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Il Cenone a misura di consulente

Consulenza in borsa: Fineco ok, Azimut ko

Consulenti: 3 date chiave per il vostro 2019

Ti può anche interessare

Coppia di abusivi sotto la scure di Consob

L’autorità segnala due offerte di investimento non autorizzate ...

Mercati: boiler room

I mercati azionari sembrano recuperare un po’ di compostezza ...

Risparmio gestito: finisce l’era dei soldi facili

Baronio (Bain&Co.): “A rischio il modello di business di alcune sgr” ...